GIORNALISMO: ADDIO A GINO FALLERI, FIGURA STORICA DEL PUBBLICISMO

E’ morto Gino Falleri, vice presidente dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, vice presidente dell’Associazione Stampa Romana nell’ultima consiliatura, iscritto all’Albo dei giornalisti del Lazio, elenco pubblicisti, dal 1957.

Personaggio storico del giornalismo, ha iniziato la sua carriera come volontario a Il Messaggero di Roma e successivamente al Popolo di Roma.

Ha collaborato con il Momento Sera, Il Giornale d’Italia, Italia Sera, l’Opinione, Il Globo, Il Resto di cui è stato il garante del lettore, nonché con l’agenzia ASCA e il GR2.

È stato direttore di TeleTerni dal 1974 al 1977, Capo ufficio stampa dell’Ente nazionale per la prevenzione degli infortuni dal 1971 al 1982, e consulente per i media del direttore generale dell’ISPESL fino al 31 dicembre 1988, nonché presidente dell’Ordine del Lazio. È stato, inoltre, addetto stampa del Presidente della Commissione bicamerale d’inchiesta sulla cooperazione (1994-1995).

Ex segretario generale aggiunto della FNSI e membro della Giunta della Federazione nazionale della stampa (1974-1976, 1978-1984 e dal 2007 al 2011; dal 1987 è presidente del Gruppo giornalisti uffici stampa, ed è anche presidente dell’Unione giornalisti per l’Europa federale (Ugef) dell’Angpi dell’EAPO&IC ,con sede a Bruxelles e a Roma. E’ consigliere nazionale della Fnsi.

È stato docente di diritto all’informazione e giornalismo presso alcuni atenei italiani, tra cui: Luiss, Università di Pisa (dal 2005 al 2011), Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” (2006-2007), Università di Siena (dal 2008 al 2012) e l’Università del Foro Italico (dal 2012 al 2013). È stato presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio e Molise e della Commissione Uffici Stampa della Fnsi.

È consigliere del Comitato di direzione della Scuola Superiore di giornalismo della LUISS; ha fatto parte del Comitato di direzione della Scuola post-universitaria di giornalismo dell’Università di Tor Vergata di Roma e dell’Osservatorio sui media istituito dall’Università Bocconi di Milano.

Ai familiari le condoglianze di Puntoeacapo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 + venti =