INPGI, IL CDA APPROVA IL BILANCIO ALL’UNANIMITÀ. IL SÌ DI INPGI FUTURO

di Paola Cascella *

Il bilancio consuntivo 2018 dell’Inpgi, un bilancio come prevedibile fortemente negativo, è passato con il voto unanime del Consiglio di amministrazione. Dopo le bocciature dei mesi e degli anni scorsi, Inpgi Futuro ha considerato prevalente la gravità del momento che l’istituto sta attraversando, accogliendo l’appello della presidente Marina Macelloni che nella sua relazione di apertura ha riconosciuto il contributo della componente che fa riferimento a Puntoeacapo.

Macelloni ha sottolineato “l’importanza dell’apporto delle minoranze che non sempre hanno votato con noi (…) ma che hanno partecipato allo sforzo collettivo di trovare una sintesi pur nelle differenze” senza far mai mancare la propria presenza fattiva nella costruzione di una via di salvezza per la cassa dei giornalisti. “Il motivo per cui siamo stati ascoltati sta anche nella compattezza del Consiglio di amministrazione”, ha detto la presidente.

Il riferimento è ai colloqui e ai tavoli tecnici avuti in questi mesi con il governo per il raggiungimento dell’obiettivo di una legge che consenta l’ingresso nell’Inpgi di circa 14.000 comunicatori impiegati nel pubblico e nel privato, e di nuove figure professionali del web, “una soluzione che, come dimostrano i risultati delle relazioni attuariali consegnate ai ministeri e alla Corte dei conti, riporta i conti dell’Istituto in sicurezza in modo stabile e duraturo”. L’ unica all’orizzonte, ha proseguito Macelloni, “per non essere condannati al l’estinzione nella speranza di un ritorno al passato che non ci sarà”.

La casa brucia e i numeri lo certificano, benché leggermente migliori di quelli del bilancio assestato, sia per il risultato della gestione previdenziale (-147,6 milioni invece di -167,1), sia per il risultato economico (-161,3 milioni, invece di 175,4). Non solo. Il mercato del lavoro non dà segni di ripresa. Anzi, “il mercato non c’è”, ha detto Macelloni.

Il 20018 si è chiuso con la perdita di 871 posti di lavoro attivi di cui 228 sono pensionamenti e 623 contratti a termine scaduti e non rinnovati. Le nuove assunzioni sono state 982 contro le 1100 del 2017. Mentre le nuove pensioni sono state 342 contro le 538 del 2017, primo timido effetto del raffreddamento delle uscite dovuto alla riforma dello stesso anno. Su tutto, il dato emerso dalla relazione attuariale sulla longevità del patrimonio Inpgi che ne fissa al 2027 l’azzeramento se non interverranno misure strutturali come è considerata l’inclusione dei comunicatori.

Il voto contrario degli anni scorsi da parte di Inpgi Futuro, ha detto il consigliere Carlo Chianura – “è stato il segnale della necessità di un cambio di passo delle altre componenti che siedono in questo Cda. Il quadro drammatico di oggi disvela un disastro figlio di scelte sbagliate per le quali l’Istituto è stato utilizzato come un gigantesco ammortizzatore sociale”.

Malgrado questa convinzione, ha ricordato Chianura, Inpgi Futuro ha dato la sua disponibilità per un lavoro comune. “Ora Macelloni ci chiede un voto di responsabilità. E lo fa dopo aver riconosciuto la legittimità della nostra analisi e delle nostre proposte su una maggiore incidenza del lavoro ispettivo, e una più attenta revisione sulle dismissione del patrimonio immobiliare”.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × 2 =