INPGI, IL GOVERNO SBIANCHETTA L’EMENDAMENTO SUI COMUNICATORI. ECCO IL TESTO DEL DECRETO-LUMACA

di Pierluigi Franz *

La notizia è divenuta ora ufficiale con la pubblicazione nella tarda serata di ieri sulla Gazzetta Ufficiale numero 100: il “pacchetto Casse previdenziali privatizzate” è rimasto fuori dal Decreto legge crescita n. 34 del 30 aprile 2019, nonostante le settimane di confronto tecnico-politico che gli sono state dedicate.

Il governo, come riporta Davide Colombo su il Sole-24Ore in un articolo rilanciato dal sito di Franco Abruzzo, si appresterebbe comunque a un recupero delle norme con un proprio emendamento al disegno di legge di conversione “sempre che la maggioranza gialloverde non s’incrini anche su questo fronte”.

L’emendamento prevederebbe il trasferimento a partire da luglio 2019 all’INPGI 1 – Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani – dei 13 mila 900 comunicatori professionali e di chi lavora per l’informazione nel settore privato e nella Pubblica amministrazione che oggi sono iscritti all’INPS. Secondo il Sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon (Lega): “La norma per l’INPGI serve non solo a evitare il commissariamento dell’Istituto, ma anche a dargli una prospettiva concreta”.

Il testo integrale dei 51 articoli del DECRETO-LEGGE 30 aprile 2019, n. 34 “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi” è stato pubblicato sul sito della Gazzetta Ufficiale del 30 aprile 2019 ed è entrato in vigore il 1° maggio 2019.

Per una migliore e facile lettura si rimanda al testo bollinato dalla Ragioneria Generale dello Stato pubblicato sul sito di Fisco Facile.

Il provvedimento è stato firmato ieri dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Considerata la straordinaria necessità e urgenza di stabilire misure per la crescita economica; considerata, inoltre, la straordinaria necessità ed urgenza di prevedere misure per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi; viste le deliberazioni del Consiglio dei ministri, adottate nelle riunioni del 4 aprile e 23 aprile 2019; sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri, del Ministro dell’economia e delle finanze e del Ministro dello sviluppo economico”.

Non si può tuttavia non sottolineare che tra la prima riunione del Consiglio dei ministri a Palazzo Chigi e l’entrata in vigore del decreto legge siano trascorsi ben 27 giorni, un vero record negativo per varare norme “di straordinaria necessità e urgenza”. Ma, proprio in considerazione del lungo tempo trascorso, é stato davvero rispettato da parte del Governo Conte l’articolo 77 della Costituzione?

* Sindaco Inpgi, Consiglio consultivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


13 − 8 =