FONDO GIORNALISTI: SERRAU PRESIDENTE, FOSSATI VICE. ARIA NUOVA CON “FONDO SICURO”

Cambio ai vertici del Fondo pensione complementare dei giornalisti italiani. Il nuovo consiglio di amministrazione si è insediato il 24 maggio e ha votato le nuove cariche. Per la parte giornalistica arriva aria nuova, espressione del voto del 16 marzo scorso che ha segnato un cambio di maggioranza, con una coalizione formata da Puntoeacapo, informazione@futuro (Roma), Senza Bavaglio, Unità Sindacale-MIL e Movimento Liberi Giornalisti (Milano), Fare Squadra (Abruzzo) e gruppi di giornalisti organizzati in Campania e Sicilia.

Raffaele Alessandro Serrau, espressione dei consiglieri designati dagli editori ai quali spettava la guida per il meccanismo di alternanza previsto dello statuto, è il nuovo presidente. Bolognese, proveniente dal gruppo Riffeser, era stato vice presidente nella precedente consiliatura. Ha gestito il primo cda con grande equilibrio e questo consentirà un proficuo lavoro. Per i giornalisti è stata eletta vicepresidente Simona Fossati che, appunto, è stata indicata dai quattro consiglieri – Corrado Chiominto, Marco Lo Conte, Tiziana Stella oltre alla Fossati stessa – che hanno vinto le passate elezioni facendo l’en plein per la lista sotto le insegne di “Fondo Sicuro”.

Inizia ora il lavoro al servizio dei colleghi con la volontà di favorire un clima costruttivo che aiuti lo sviluppo del fondo, promuova una maggiore informazione sulle opportunità finanziarie offerte e garantisca una gestione attenta di questo importante presidio di welfare economico al fianco dei giornalisti.

E’ questa la filosofia che ha prevalso alla fine anche nel primo Cda, nel corso del quale è stato però necessario superare alcune insidie che nascono da una concezione sindacale di chi, perse le elezioni, vuole comunque prevalere e preferisce l’utilizzo del “venticello” e non quello del confronto. Così è stato per la verifica dei requisiti dei nuovi consiglieri, in particolare del collega Marco Lo Conte che, detto per inciso, è senza tema di smentita, il giornalista economico più esperto di fondi pensione che c’è in Italia.

Qualcuno aveva sollevato timori sul rispetto dei rigidi requisiti previsti dalla legge, tanto che il direttore del Fondo aveva chiesto un parere alla Covip, l’organo di vigilanza dei fondi. Il parere, che fino al momento del voto era stato tenuto strettamente riservato, ha invece contribuito a sciogliere i dubbi: pur demandando al Cda la valutazione dei requisiti, ha evidenziato che l’attività giornalistica è un’attività professionale che certo, per essere considerata favorevolmente ai fini dei requisiti per un consigliere di un fondo previdenziale, deve essere stata esplicata negli specifici settori di previdenza, finanza, banche e assicurazioni, indicati dalla legge.

Dopo l’esame delle carte – tra cui gli articoli, le dichiarazioni del quotidiano e quello delle consulenze fatte ad alcuni fondi pensioni, anche in materia di formazione – sia i consiglieri della parte datoriale, sia il collegio dei sindaci, hanno espresso parere favorevole. La nomina ha così superato le forche caudine di un rigido esame. Non avevamo dubbi, visto che – non avendo proprio perso del tutto il senso della realtà – avevamo sostenuto la sua candidatura.

Si tratta di una vittoria, poiché – nemmeno troppo velatamente – alcuni esponenti che si rifanno alla maggioranza Fnsi avevano sollevato dubbi sulla candidabilità: averla negata sarebbe invece stata un’operazione di piccolo cabotaggio che avrebbe fatto perdere al Fondo un esperto che rappresenterà una risorsa importante per migliorare rendimenti e informazioni.

L’altro nodo da sciogliere è stata la presentazione di due candidature contrapposte per la vice presidenza dei giornalisti, che avrebbe messo in serio imbarazzo i consiglieri editori e creato impasse per la designazione dei vertici. Dopo la candidatura di Simona Fossati, fatta dalla maggioranza dei giornalisti presenti al Fondo, il presidente uscente Enrico Castelli, al quale è stato riconosciuto l’onore delle armi per l’impegno nella gestione della precedente consiliatura, aveva avanzato anche la propria candidatura, nonostante potesse contare sul voto solo di un altro consigliere giornalista.

Certo un’operazione di disturbo, poco rispettosa dell’esito del voto e che avrebbe potuto passare solo se anche i rappresentati degli editori avessero deciso di appoggiarlo, cosa che non è responsabilmente accaduta e che avrebbe rappresentato un grave vulnus. Dopo un confronto nato dalla richiesta degli editori di trovare una soluzione, la candidatura di minoranza di Castelli è stata ritirata, consentendo la votazione di Simona Fossati che rappresenta la sintesi delle componenti che hanno vinto le elezioni.

E’ questa una novità che segna un primo importante risultato realizzato da un “cartello” che in futuro potrebbe incidere in maniera decisiva sulla vita degli enti e delle istituzioni dei giornalisti anche fuori dal Fondo. La sfida – fuori dalle sterili querelle sindacali che interessano sempre meno i giornalisti – è quella di costruire un fronte di colleghi impegnati per la difesa attiva della professione giornalistica, vera missione di Puntoeacapo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette − sedici =