INPGI, AUDIZIONE IN PARLAMENTO DELLA CORTE DEI CONTI. IL FANTASMA DEL COMMISSARIO SULL’ISTITUTO

“Il bilancio tecnico attuariale dell’Inpgi 1, gestione sostitutiva Ago (gestione obbligatoria, ndr), reca una previsione di esaurimento del patrimonio già dal 2028”. Lo segnala la presidente della sezione di controllo sugli enti della Corte del conti, Enrica Laterza, nell’audizione nella commissione parlamentare sugli Enti gestori previdenziali. A questo link il video della audizione.

Un eventuale commissariamento dell’istituto di previdenza dei giornalisti, questione sollevata da parlamentari nel corso dell’audizione, la Corte ha ricordato come la legge preveda che la segnalazione ai ministeri vigilanti della situazione di disavanzo di un ente previdenziale venga effettuata, nel quadro delle rispettive competenze, dalla Commissione parlamentare stessa, sulla base del rendiconto redatto dalla magistratura contabile.

I giudici contabili segnalano che mentre la “quasi totalità” delle Casse presenta “proiezioni attuariali in sostanziale equilibrio” tra contribuzioni e prestazioni. Nel caso invece dell’Istituto di previdenza dei giornalisti, “per il quale è stato recentemente approvato il referto della Corte per l’esercizio finanziario 2017, sono stati riscontrati notevoli peggioramenti dei risultati patrimoniali abbinati al saldo negativo tra contribuzioni e prestazioni previdenziali erogate”.

Il risultato del controllo evidenzia, in particolare, che “l’avanzo economico è stato supportato fino al 2016 da plusvalenze derivanti dagli apporti ai fondi immobiliari o dalle vendite di immobili le quali, tuttavia, sono destinate ad esaurirsi”. Da qui la considerazione della Corte, secondo cui, la gestione dell’Inpgi 1 (gestione sostitutiva AGO), reca una previsione di esaurimento del patrimonio già dal 2028″. “La riduzione delle entrate contributive, sottolineano i magistrati, “costituisce anche il riflesso di fattori demografici e biometrici, nonchè dell’andamento sfavorevole del mercato del lavoro in determinati settori”.

La Corte, è stato peraltro sottolineato, ha “puntualmente evidenziato la criticità gestionale” dell’Inpgi attraverso i relativi referti redatti di anno in anno. E nei documenti si è più volte raccomandato all’Istituto di “adottare le misure necessarie per ristabilire un equilibrio tra contributi e prestazioni, poi, più che un monito, una ‘moral suasion’ e un’indicazione sulle cause critiche, la Corte non può fare. Non ha poteri sostitutivi”.

Non manca inoltre, è stato evidenziato, una “certa discrezionalità” sulla questione del commissariamento, mentre la normativa non specifica l’arco temporale entro il quale devono registrarsi le condizioni per far scattare il commissariamento. La contribuzione, è stato ricordato, è diminuita progressivamente negli anni, con un calo di quasi 8 milioni dal 2016 al 2017, mentre le pensioni erogate sono aumentate di 12 milioni.

I ministeri vigilanti possono invece prendere direttamente l’iniziativa, hanno inoltre spiegato i componenti della Corte, in caso di gravi violazioni nella gestione commesse dagli organi amministrativi. (RADIOCOR)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × cinque =