INPGI, 12 MESI PER UNA RIFORMA CHIRURGICA. SI ALLONTANA L’IPOTESI COMUNICATORI

L’Inpgi è tenuto ad adottare entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del dl Crescita “misure di riforma del proprio regime previdenziale volte al riequilibrio finanziario della gestione sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria che intervengano in via prioritaria sul contenimento della spesa e, in subordine, sull’incremento delle entrate contributive”.

E’ quanto previsto da una riformulazione arrivata nelle commissioni riunite Finanze e Bilancio della Camera di un emendamento dei relatori. Secondo la riformulazione, queste misure di riforma dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani dovranno “assicurare che l’eventuale saldo di bilancio negativo, a decorrere dall’anno 2021, non superi il limite annuo del 7% del valore complessivo del patrimonio dell’Ente”.

Secondo la proposta, entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del dl Crescita, l’Inpgi dovrà trasmettere ai ministeri vigilanti un apposito bilancio tecnico attuariale “che tenga conto degli effetti derivanti” dalle misure adottate.

Nelle more della scadenza del termine per adottare la riforma, sono temporaneamente sospese le norme che possono portare al commissariamento dell’Istituto.

E’ previsto anche che, se il bilancio tecnico inviato ai ministeri non dovesse evidenziare un miglioramento dell’andamento del saldo di bilancio, il Governo possa adottare entro 6 mesi uno o più regolamenti per disciplinare le modalità di ampliamento della platea contributiva Inpgi.

Lo scopo dichiarato dalla norma è quello di “tutelare la posizione previdenziale dei lavoratori del mondo dell’informazione e di riequilibrare la sostenibilità economico finanziaria della gestione previdenziale dell’Inpgi nel medio-lungo periodo”.

I lavori delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera sul Dl Crescita sono stati rimandati a lunedì 17 giugno. Di conseguenza l’arrivo del provvedimento nell’aula di Montecitorio slitterà al 18 giugno. Non è ancora stato depositato un ulteriore pacchetto di emendamenti del relatore, probabilmente quattro, che dovrebbero arrivare entro venerdì 14 alle 12, quando scadrà il termine per la presentazione dei subemendamenti.

1 Commento "INPGI, 12 MESI PER UNA RIFORMA CHIRURGICA. SI ALLONTANA L’IPOTESI COMUNICATORI"

  1. Mario De Scalzi | 14 Giugno 2019 ore 9:10 | Rispondi

    Radio Radicale sì e INPGI no…. mah?!
    Senza nulla togliere ai diritti dei colleghi di Radio Radicale non capisco perchè contino più i diritti di qualche decina di giornalisti attivi che i diritti di migliaia di pensionati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 − dieci =