INPGI, PUNTOEACAPO: COLLABORAZIONE PER SALVARE L’ISTITUTO, SENZA ESCLUDERE ALTRE VIE D’USCITA

Puntoeacapo esprime preoccupazione e sconcerto per la decisione della Camera dei Deputati di approvare, nel testo del dl crescita, un emendamento sull’Inpgi che concede all’Istituto 12 mesi di tempo per definire una nuova riforma delle prestazioni ma, nello stesso tempo, sospende l’ipotesi di un suo commissariamento solo per quattro mesi, cioè fino al 31 ottobre 2019.

Si tratta di un emendamento che non esprime una posizione chiara da parte del Parlamento sui gravi problemi di bilancio dell’Inpgi, anche perché da una parte si riconosce la validità della strada di ampliamento della platea degli iscritti, ma dall’altra si stanziano le risorse per attuarla solo a partire dal 2023.

Ci sembra che ancora una volta la politica non solo non abbia le idee chiare ma rinvii ogni decisione e rifugga dalle proprie responsabilità. Va ricordato infatti che i bilanci dell’Inpgi sono stati affossati negli ultimi anni, per responsabilità principale del potere politico, dalla concessione indiscriminata alle aziende editoriali dell’uso dei benefici degli stati di crisi, scaricando così sull’Inpgi il costo di oltre mille prepensionamenti senza imporre agli editori regole rigide sul turn-over, né nuovi investimenti.

Nello stesso tempo non ci si è posti il problema di regolamentare il fenomeno dell’informazione sul web che ancora oggi sfugge, al contrario dell’editoria tradizionale, a qualsiasi regola o legge, a cominciare da quelle fiscali e sul lavoro.

Dopo aver chiuso gli occhi per anni, si chiede ora di realizzare in pochi mesi una riforma che l’Inpgi non ha gli strumenti per attuare, visto che la crisi dell’Istituto discende principalmente dal crollo della occupazione del settore. Crollo cui ha assistito inerte la Fnsi, colpevole di non aver mai tentato di ostacolare la miope corsa agli stati di crisi degli editori.

E’ una Fnsi governata dalla stessa maggioranza che ha sempre controllato l’Inpgi e che ha ostinatamente rifiutato di ammettere ciò che Puntoeacapo sollecitava da anni, di fronte all’evidenza dei numeri. Una maggioranza che, con protervia, ha sempre ignorato chi, come noi, chiedeva una seria e tempestiva riforma delle prestazioni, accompagnata ad un drastico stop agli stati di crisi facili, a una contrattazione dignitosa e all’apertura di un serrato confronto con la politica sulle cause della crisi del settore.

Nonostante ciò, Puntoeacapo – che ha sempre avuto a cuore esclusivamente gli interessi dei giornalisti – non starà alla finestra mentre la casa brucia: intendiamo collaborare, nelle sedi preposte, all’ultimo tentativo di salvaguardare l’autonomia e i conti dell’Istituto. Senza escludere tuttavia che, proprio in nome di quegli interessi, si debbano considerare strade alternative di ritorno alla sfera pubblica già percorse in passato da altre casse.

L’Esecutivo di Puntoeacapo

4 Commenti "INPGI, PUNTOEACAPO: COLLABORAZIONE PER SALVARE L’ISTITUTO, SENZA ESCLUDERE ALTRE VIE D’USCITA"

  1. continuate nella lotta.buon lavoro.ci vuole una mobilitazione generale

  2. Giuseppe Cipriani | 21 Giugno 2019 ore 18:10 | Rispondi

    In cosa consisterebbe, secondo voi, quest’ultimo tentativo? E come intendereste collaborare e con chi? Qui o si amplia al più presto la platea degli iscritti o non si cava un ragno dal buco. Se poi salvare i conti significherà varare una ennesima manovra lacrime e sangue riguardo alle prestazioni e di requisiti di pensionamento, beh, permettetemi di dire che forse è meglio lasciare che tutto si compia verso l’incameramento in Inps. Se collaborazione invece ci dovrà essere, che sia totale, senza più lotte intestine che non daranno frutto e che potranno semmai dare ai detrattori della nostra professione (cinquestelle in testa) il là per sostenere che hanno ragione a voler farci fuori cancellando la nostra identità a partire dalla cassa pensioni. Auspico tutti uniti per la causa comune!

    • Risponde Carlo Chianura, portavoce di Puntoeacapo
      Grazie per darci modo di chiarire subito una cosa semplice ma importante: tutto quello che di negativo è stato fatto negli ultimi dieci anni ha nomi, cognomi e indirizzi precisi, che certamente non portano dalle parti di Puntoeacapo. Basta dare un’occhiata all’ormai ponderoso archivio di questo sito. Quindi nessuno metta fretta o pressione a chi come noi dal 2009 sta mettendo in guardia sugli esiti devastanti delle politiche sindacali sull’Inpgi e la Casagit. Nessun volemose bene e nessun accordo a prescindere.
      Dico subito che le risposte decisive per il salvataggio dell’Inpgi non stanno più dentro l’Inpgi.
      Certo ci opporremo come sempre abbiamo fatto alla macelleria sociale, senza pregiudiziali che peraltro non sono mai esistite, giacché da sempre cerchiamo di rendere oggettive le nostre posizioni. Nell’interesse di una professione che non da oggi è sotto attacco.

  3. A questo punto io credo che sia meglio chiedere subito l’ingresso nell’Inps con una propria gestione come dirigenti, personale di volo, autoferrotranviari. E farlo finché l’Inpgi e’ ancora in grado di apportare il proprio patrimonio mobiliare e immobiliare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 4 =