INPGI, ECCO IL DOSSIER CHE SPIEGA DOVE SIAMO ANDATI A FINIRE

Ufficio Studi e Ricerche di Puntoeacapo

La Camera ha approvato il Decreto Crescita, che prevede anche misure a favore (e a carico) dell’Inpgi. La prossima settimana e comunque entro il 29 giugno la legge sarà approvata definitivamente dal Senato.

All’orizzonte, per l’istituto di previdenza dei giornalisti, ci saranno quattro mesi – tra cui luglio e agosto – prima che scatti la possibile tagliola del commissariamento.

Entro 12 mesi invece il Cda dovrà varare una nuova riforma che tagli i costi e incrementi la contribuzione.

Quale sarà la base di discussione ce lo dice l’ampia relazione che oggi pubblichiamo, presentata dall’Inpgi in occasione della audizione davanti alla Commissione interparlamentare di controllo degli enti di previdenza privatizzati, lo scorso 18 giugno.

E’ un documento antologico che fotografa lo stato dell’arte e che ogni giornalista dovrebbe leggere.

Buon lavoro.

2 Commenti "INPGI, ECCO IL DOSSIER CHE SPIEGA DOVE SIAMO ANDATI A FINIRE"

  1. Giuseppe Cipriani | 24 Giugno 2019 ore 20:56 | Rispondi

    Due domande: 1) Come può l’Inpgi incrementare la contribuzione? In nessun modo, io credo, se non sperando che alla fine tutti si convincano che allargare si “comunicatori” si può e di deve. 2) Come può l’Inpgi tagliare i costi (in modo significativo)? Oso dire solo tagliando molto le pensioni più alte e procrastinando ancora le pensioni dei futuri pensionati. Conoscete qualche altra via? Se sì, battete un colpo e spiegatecelo in modo chiaro per favore, voi che dentro l’Inpgi ci siete. In caso contrario appare abbastanza una pagliacciata concedere 12 mesi di tempo sul nulla possibile, agitando lo spauracchio di un commissariamento che, a un passo da una salvezza ancora possibile del nostro ente, può essere letto come un’appropriazione indebita… Qualcuno spieghi quali sono i giochi di potere che si agitano alle nostre spalle, tutti a parole ci vogliono bene, ma nessuno lo dimostra concretamente. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sette + sei =