INPGI, IN CASSA 2,2 MILIONI PER LARGO LORIA. NE BASTANO ALTRI 300 MILA PER L’OBOLO AL SINDACATO

di Stefania Conti *

Leggo oggi con piacere sulla newsletter ufficiale dell’Inpgi, che “sono stati recentemente incassati dall’Inpgi circa due milioni e duecentomila euro, a seguito di una sentenza di primo grado del Tribunale di Roma, resa esecutiva in appello, che ha condannato il Comune di Roma a versare tale importo al nostro istituto a titolo di canoni per la locazione di un edificio di proprietà dell’Inpgi sito in Roma al Largo Loria 3”.

Una vicenda antica per la quale il nostro istituto ha combattuto dal 2006. Non si può che esserne lieti, viste le condizioni dell’Inpgi. Finalmente qualcosa che entra nelle nostre casse, invece che uscirne!

E non si può che esserne lieti perché così basterà aggiungere solo altri 300 mila euro e l’obolo che annualmente versiamo alla Fnsi e alle associazioni sindacali regionali sarà praticamente pagato. Obolo mai messo in discussione ogni volta che si è parlato di riforma dell’istituto. Chissà che il cosiddetto Emendamento SalvaInpgi, con una riforma ordinata dal Parlamento, non aiuterà a fare chiarezza su una spesa che Puntoeacapo da sempre contesta come clientelare e monopolista.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro

2 Commenti "INPGI, IN CASSA 2,2 MILIONI PER LARGO LORIA. NE BASTANO ALTRI 300 MILA PER L’OBOLO AL SINDACATO"

  1. Giuseppe Cipriani | 1 Luglio 2019 ore 21:22 | Rispondi

    Cosa dovremmo fare? Abolire il sindacato per indebita appropriazione di denaro? Se le regole sono sbagliate, si cerchi di cambiare democraticamente le regole. Sono contro i processi sommari, soprattutto ora che dovremmo fare corpo unico.

    • Nessun processo sommario. La semplice verità: quei soldi vengono assegnati, senza gara, col voto favorevole degli interessati. Non bisogna avere paura della verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + nove =