FONDO COMPLEMENTARE, BUONE NOTIZIE: COPERTE LE PERDITE DEL 2018. BREVIARIO SUGLI INVESTIMENTI

di Corrado Chiominto *

Buone notizie dal Fondo Complementare dei Giornalisti. Lo scorso anno i mercati finanziari hanno penalizzato i rendimenti di due dei tre comparti di investimento del Fondo, ma le perdite – che avevano preoccupato più di un collega giornalista – sono già state assorbite nei primi cinque mesi dell’anno. A giugno, poi – secondo le prime indicazioni – ci sarebbe un’ulteriore crescita dei guadagni.

Il punto sull’andamento della gestione finanziaria è stato fatto nell’ultimo consiglio di amministrazione e mi dà la possibilità di proseguire, partendo proprio dalla notizia positiva, la mini-guida all’utilizzo del fondo giornalisti.

Dopo una prima infarinatura, questa volta affronto una delle domande chiave che spesso mi vengono rivolte: quale comparto devo scegliere?

La premessa è che non posso e non voglio dare indicazione su come investire i soldi. L’investimento finanziario è sempre strettamente personale e delicato, poiché non è esente da rischi. Chiarisco subito che ciascuno è responsabile delle proprie azioni e che quello che scrivo non vuole essere ‘’sollecitazione” a un investimento piuttosto che ad un altro. Ma partiamo dalle buone notizie.

I COMPARTI PRUDENTE E MIX HANNO RECUPERATO LE PERDITE

Gli investimenti del fondo complementare dei giornalisti, anche se seguiti con cura, non possono azzerare i rischi dell’andamento negativo dei mercati. Tutti i fondi pensionistici hanno subito perdite nel 2018. Così i due comparti Prudente e Mix hanno perso lo scorso anno rispettivamente il 2,82 e il 4,93%. Nei primi cinque mesi del 2019 hanno recuperato il comparto Prudente con un rendimento netto del 4,35, quello Mix con un rendimento netto del 4,86%. L’andamento – in base alle prime indicazioni non ancora assestate – sarebbe migliorato ancora a giugno. Il comparto Garantito, invece, aveva segnato un guadagno dell’1,78% e ora cresce del +0,63%.

MIX, PRUDENTE O CONSERVATIVO?

La scelta su come investire il proprio Tfr è sempre molto personale, ancora di più se decidiamo di mettere sul fondo anche qualche risparmio alimentandolo con versamenti volontari. Tutto dipende dalla propensione al risparmio, dalla voglia di rischiare, dagli anni che mancano alla pensione, da quello che ci si aspetta per il futuro. Si può – ma l’affronto in un capitoletto appena più sotto – anche decidere di dividere l’investimento attribuendolo ai diversi comparti in quota percentuale, o differenziando lo stock del passato e quello che arriverà in futuro, oppure scegliendo una diversa destinazione per i versamenti del Tfr e per i contributi volontari (e dell’azienda).

Per comprendere cosa fare bisogna sapere come sono ‘costruiti’ i singoli comparti (e anche questo lo leggete appena sotto).

Un aiuto può arrivare anche dai calcoli indicativi – ampiamente indicativi – dal pensionometro che il fondo ha sul proprio sito. Stiamo valutando di sostituirlo con un nuovo pensionometro in grado di fornire maggiori dettagli: il problema è stato posto dal gruppo di quattro colleghi con i quali sono stato eletto (Simona Fossati, Marco Lo Conte e Tiziana Stella) già al primo Cda operativo che si è tenuto la scorsa settimana, che ha dato mandato al presidente e alla vicepresidente di valutare alcune ipotesi concrete che sono già sul tavolo.

Comunque, partendo dal nome dei comparti è evidente che il conservativo è quello meno rischioso – garantisce il capitale messo – ma anche quello che nel lungo periodo dovrebbe garantire rendimenti più bassi, poi c’è il prudente che è una via intermedia, infine il mix che ha una quota maggiore di azioni e quindi con più rendimento e rischio.

IL PROFILO DEI COMPARTI – IL CONSERVATIVO

Grado di rischio: basso. Nel passato la promessa era quella di garantire almeno il rendimento del Tfr lasciato in azienda. Non è più così: dal primo gennaio 2018 non garantisce più il rendimento ma solo che non si perderà il capitale. E’ stato difficile trovare un gestore (in questo caso Cattolica Assicurazioni) che garantisse il capitale e quindi i rendimenti sono bassissimi e anche i costi di gestione pagati sono alti. Si sta valutando per questo se inserire un’alternativa che si avvicini un po’ al Prudente: una sorta di Superprudente. Insomma il Conservativo è il profilo adatto solo a chi ha proprio paura dei mercati ma, nel lungo termine, rischia di rendere meno rispetto al Tfr lasciato in azienda. Può però rientrare nelle scelte da fare per altre ragioni: ad esempio perché ci si sta avvicinando alla pensione e si vuole consolidare – senza ulteriori rischi – quello che si è guadagnato in passato.

IL PROFILO DEI COMPARTI – IL PRUDENTE

Grado di rischio: medio. Punta a realizzare una rivalutazione del capitale investito rispondendo alle esigenze di un soggetto che privilegia la continuità dei risultati nei singoli esercizi e accetta u n’esposizione al rischio moderata. La quota di azioni non può superare il 28% con titoli di Stato europei tra un 55 e un 75%, bond governativi fuori dall’euro tra il 20 e il 30% e titoli di paesi emergenti al massimo al 12,5%. E’ ammesso anche un 10% di investimento valutario. Ci sono quattro gestori che hanno un portafoglio differenziato: in tre casi (BlackRock, Credit Suisse, Eurizon Capital) con un investimento di tipo passivo, in un caso (Azimut) con una tipologia attiva, cioè prevedendo acquisti e vendite nel corso dell’anno per ottimizzare il portafoglio.

IL PROFILO DEI COMPARTI – IL MIX

Grado di rischio: medio alto. La quota di azioni può arrivare al massimo al 50%. Per gli altri tipi di strumenti le quote non cambiano rispetto al profilo appena descritto del comparto Prudente. Ha l’obiettivo di realizzare una rivalutazione del capitale investito rispondendo alle esigenze di un soggetto che ricerca rendimenti più elevati nel lungo periodo ed è disposto ad accettare un’esposizione al rischio più elevata con una certa discontinuità dei risultati nei singoli esercizi. Ci sono due gestori: Amundi (passivo) e Pictet (Attivo).

RISCHIO O NON RISCHIO

Per valutare se scegliere un comparto più o meno rischioso un buon metodo è anche quello della distanza dalla pensione. Avere molto tempo prima del pensionamento significa poter rischiare di più, perché – dice la teoria – nel lungo periodo è possibile recuperare le discontinuità di un investimento che contiene una maggiore quota di azioni. Ma – se si pensa comunque di richiedere anticipazioni – ecco che questo discorso già vale meno. Comunque vale il discorso che con l’approssimarsi della pensione sarebbe meglio rischiare meno. Ma come sempre questo dipende da quale integrazione di pensione si vuole avere e dalla nostra propensione al rischio.

SCEGLIERE QUANDO USCIRE DAL FONDO

Tra i consigli da dare c’è quello di monitorare la propria posizione prima di decidere l’uscita dal fondo. Magari, anche se si è andati in pensione, talvolta conviene tenere i fondi ancora per un poco evitando di incappare in un anno negativo, come il 2018 ad esempio: chi ha deciso di liquidare la propria posizione aspettando qualche mese ha recuperato la perdita. Ma chiaramente anche questo dipende dalla possibilità di aspettare.

COME CAMBIARE O DIVIDERE GLI INVESTIMENTI NEI DIVERSI COMPARTI

Ogni iscritto al fondo può scegliere di cambiare la contribuzione, passata e futura, sia per tipo di contribuzione sia in percentuale, a più comparti. Da qualche giorno è possibile variare il comparto di investimento anche direttamente dalla propria area riservata. Chi vuole farlo in cartaceo deve compilare il modulo e poi inviare la documentazione al Fondo: dall’area on line questo non serve più. Il passaggio di un comparto potrà avvenire una sola volta nell’arco di 12 mesi e potrà essere realizzato con le seguenti finestre: 31 marzo, 30 giugno, 30 ottobre: per farlo bisognerà richiedere il cambiamento entro il 25 febbraio, 25 maggio o 25 settembre. Ultima nota: la modifica di comparto successiva alla prima costerà 10 euro per ogni richiesta di passaggio. L’importo verrà addebitato automaticamente sulla propria posizione.

* Cda Fondo complementare dei giornalisti per Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 + venti =