INPGI, IL CDA SUBITO AL LAVORO PER LA NUOVA RIFORMA CHIESTA DAL DECRETO CRESCITA

Il Consiglio di amministrazione dell’Inpgi è al lavoro per elaborare la riforma delle prestazioni richiesta dal Decreto Crescita. Il consiglio generale sarà “tempestivamente” coinvolto nella elaborazione e nelle scelte dell’istituto. Lo dispone un ordine del giorno approvato dallo stesso Cda.

In una conferenza stampa la presidente Marina Macelloni e il Cda hanno illustrato la situazione e le iniziative possibli. Primo incontro del Cda il prossimo 31 luglio. Di seguito il testo dell’ordine del giorno.

Il Consiglio di Amministrazione,

PRESO ATTO

di quanto previsto dal comma 2 dell’art. 16 quinquies del Decreto legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito con legge 28 giugno 2019, n. 58, che dispone – in particolare – che “L’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani «Giovanni Amendola» (INPGI), nell’esercizio dell’autonomia di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, con provvedimenti soggetti ad approvazione ministeriale ai sensi dell’articolo 3, comma 2, del citato decreto legislativo n. 509 del 1994, è tenuto ad adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, misure di riforma del proprio regime previdenziale volte al riequilibrio finanziario della gestione sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria che intervengano in via prioritaria sul contenimento della spesa e, in subordine, sull’incremento delle entrate contributive, finalizzate ad assicurare la sostenibilità economico-finanziaria nel medio e lungo periodo. Entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, l’INPGI trasmette ai Ministeri vigilanti un bilancio tecnico attuariale, redatto in conformità a quanto previsto dal comma 2 dell’articolo 2 del citato decreto legislativo n. 509 del 1994, che tenga conto degli effetti derivanti dall’attuazione delle disposizioni del primo periodo del presente comma.”;

RILEVATA

la necessità ed urgenza di procedere, in base ad una pianificazione temporale coerente con il rispetto delle scadenze stabilite nella norma di legge citata, all’adozione – in conformità al dettato legislativo – di misure volte al contenimento della spesa e all’incremento delle entrate finalizzate al ripristino dell’equilibrio finanziario della Gestione sostitutiva dell’AGO;

APPROVA

il seguente

ORDINE DEL GIORNO

Al fine di ottemperare alle disposizioni di cui al comma 2 dell’art. 16 quinquies del Decreto legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito con legge 28 giugno 2019, n. 58 il Consiglio di Amministrazione avvia, con effetto immediato, un articolato programma di riunioni volte ad individuare, analizzare ed approfondire – avvalendosi del supporto delle strutture tecniche interne all’ente, integrate e coadiuvate da tecnici attuariali ed esperti previdenziali che potranno essere individuati di volta in volta – le misure finalizzate a riequilibrare, nel medio lungo periodo, il saldo previdenziale della Gestione sostitutiva dell’Assicurazione Generale Obbligatoria, impegnandosi, in tal senso, ad elaborare – nei tempi stabiliti dal legislatore – specifiche proposte programmatiche supportate da adeguate proiezioni attuariali che ne evidenzino l’impatto prospettico sull’andamento della Gestione medesima.

Le conclusioni del processo di studio ed elaborazione delle misure proposte – in adesione ai principi di trasparenza che da sempre contraddistinguono l’azione del Consiglio di Amministrazione – saranno tempestivamente illustrate al Consiglio Generale, per approfondire le ipotesi di intervento che saranno formulate dal Consiglio di Amministrazione e procedere all’esposizione di dati finanziari e contabili aggiornati rispetto a quelli approvati nel bilancio consuntivo 2018.

2 Commenti "INPGI, IL CDA SUBITO AL LAVORO PER LA NUOVA RIFORMA CHIESTA DAL DECRETO CRESCITA"

  1. Giuseppe Cipriani | 18 Luglio 2019 ore 21:27 | Rispondi

    “Misure volte al contenimento della spesa” mi preoccupano assai… Purtroppo mi aspetto che venga messa mano alla pensione di anzianità e si inaspriscano ulteriormente i requisiti. Sarà dura non essere penalizzanti coi soliti noti che già nel 2017 hanno visto slittare la pensione di 5 anni. Quel che serve è l’apertura immediata per legge ai comunicatori, e non fra tre anni, e togliere all’Inpgi l’onere degli ammortizzatori sociali che hanno ingrassato frotte di editori in crisi farlocche.

  2. C’è chi è stato indotto dai tecnici dell’Istituto a ricongiunzioni onerosissime tra periodi Inps in Inpgi. Fatte con calcoli puntigliosi sulle aspettative di vita. Qualsiasi mutamento intervenga altera quei calcoli ponderati per cui considero le pensioni in essere intoccabili a meno di non restituire agli interessati quanto versato per la ricongiunzione stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + diciotto =