INPGI, PRELIEVO FORZOSO: VIA LIBERA DAL CONSIGLIO DI STATO MA COME CONTRIBUTO STRAORDINARIO

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Comitato NoPrelievo contro il prelievo forzoso sulle pensioni Inpgi.

A questo link il testo della sentenza.

In sintesi il ricorso era stato presentato dai giornalisti Demetrio De Stefano, Liliana Madeo e Salvatore Rotondo che contestavano il fatto che il Cda della cassa si era sostituito al Parlamento nel deliberare il cosiddetto contributo straordinario di solidarietà per una durata di tre anni sulle pensioni a partire dai 38.000 euro.

Nella sentenza si afferma che “si tratta di far fronte ad uno stato preoccupante di disequilibrio economico dell’Inpgi”. “Il contributo, che viene trattenuto all’interno della propria gestione dall’Inpgi, con specifico scopo solidaristico endo-previdenziale, ha la finalità di contribuire agli oneri finanziari del sistema previdenziale, in un contesto di crisi del sistema stesso particolarmente grave, a cui l’Istituto intende, con un’azione di riforma ben più generale, porre rimedio”.

“La misura straordinaria si pone a salvaguardia, in definitiva, della stessa aspettativa di questi pensionati di poter godere in futuro del trattamento pensionistico, pur contemperando tale aspettativa col principio di responsabile redistribuzione delle risorse in funzione equitativa, nell’ottica di un “patto intergenerazionale” che è stato anche alla base della stessa privatizzazione dell’Istituto di previdenza e assistenza dei giornalisti negli anni 90”.

“Il contributo può dirsi “eccezionale”, secondo i parametri dettati dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 173 del 13 luglio 2016, e non si palesa di per sé insostenibile, pur innegabilmente comportando un sacrificio”.

Nello stesso tempo i giudici amministrativi aggiungono che “chiaramente non sarebbe legittima una successiva proroga del termine del prelievo, che si porrebbe evidentemente in contrasto con il carattere “contingente, straordinario e temporalmente circoscritto” della misura.

Nessun cenno alle ripetute sentenze della Corte di Cassazione che da anni, fino ai giorni nostri, considerano illegittime le delibere delle casse che stabiliscono prelievi sulle pensioni.

5 Commenti "INPGI, PRELIEVO FORZOSO: VIA LIBERA DAL CONSIGLIO DI STATO MA COME CONTRIBUTO STRAORDINARIO"

  1. Giuseppe Cipriani | 26 Luglio 2019 ore 21:19 | Rispondi

    Sacrosanto sostenere che il prelievo è sostenibilissimo, utile far presente che va a vantaggio stesso dei soggetti del prelievo… Chi ha avuto la pensione in tempi di vacche grasse, intese anche nel senso di numero di anni di contributi ridotto rispetto a oggi, accetti di buon grado una sottrazione economica temporanea in nome della solidarietà generazionale. Mi pare tanto semplice!

    • Il punto non era e non è la solidarietà intergenerazionale, quanto il precedente che oggi taglia di tanto o di poco l’assegno degli attuali pensionati e domani potrebbe stroncare, sempre in nome della sostenibilità, la tua pensione.

  2. Giuseppe Cipriani | 27 Luglio 2019 ore 7:30 | Rispondi

    Perdonate la mia insistenza, ma non ci siamo a mio avviso. Tra “stroncare” (?) e contributo di solidarietà o prelievo forzoso temporaneo c’è un abisso di senso e di etica. Che senso avrebbe stroncare una pensione? E per quale ragione? Per favore non suscitiamo mostri che non esistono. L’unico mostro, eventualmente, sarebbe continuare a peggiorare i requisiti di età e contributi per la pensione che sono già in linea con quelli Inps (e addirittura peggiorativi, visto che non accogliamo quota 100).
    Riserviamo le energie a difendere questo!
    Tra qualche tempo il prelievo forzoso dovrà essere sospeso, da quel che si evince, pertanto non sarà più un problema, sempre che non venga portata avanti una battaglia di principio che, per me, maschera l’unico obiettivo di alcuni pensionati difendere pochi euro a cui non si vuol rinunciare. Così la penso e se fossi già pensionato il prelievo forzoso l’accetterei di buon grado.

    • E’ di assoluta evidenza che la battaglia dei NoPrelievo era di principio e non si riferiva all’importo del contributo, quanto alla considerazione che se tu mi tocchi per qualsiasi motivo e per qualsiasi importo e anche per una volta sola la mia pensione, potrai farlo in futuro a tuo piacimento. In questo senso è importante quanto sostiene il Consiglio di Stato quando parla di straordinarietà (non ripetibilità) del prelievo.

  3. Gabriele Eschenazi | 27 Luglio 2019 ore 8:52 | Rispondi

    Il tema è un principio. Può il Cda dell’Inpgi ridurre le pensioni in essere a suo piacimento e in percentuali variabili? Che questo prelievo forzoso sia temporaneo è molto difficile. Potrà solo aumentare. E il Cda dell’Inpgi si sentirà libero di agire senza limiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


19 − 4 =