GIORNALISMO, LA SVOLTA GIALLOROSSA INTERROGA DA VICINO ANCHE IL NOSTRO WELFARE

di Carlo Chianura – Portavoce di Puntoeacapo

Il governo Cinquestelle-Pd è dunque realtà. E’ certamente cambiato il principale interlocutore sulla partita comunicatori, giacché per ovvi motivi non sarà confermato il leghista Claudio Durigon, ormai ex sottosegretario al Lavoro con delega alle casse privatizzate. L’altra carica fondamentale su cui ancora si sa poco più che indiscrezioni è quella di sottosegretario alla Presidenza con delega all’Editoria, poltrona su cui siede Vito Crimi. (Aggiornamento: da leggere anche questo articolo)

Sullo sfondo l’importante appello del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, rivolto a tutti i soggetti istituzionali e politici in conclusione della crisi di governo, affinché sia rispettata la libertà di stampa.

Come avevamo immaginato, si apre per il giornalismo e per l’Inpgi in particolare una stagione decisiva.

I giornalisti e il giornalismo in generale hanno il dovere di resistere alle campagne del M5S in particolare che ha puntato e forse punterà ancora a delegittimare il giornalismo professionistico, in nome della disintermediazione rousseauiana dell’informazione.

L’Inpgi deve interrogarsi senza pregiudizi sul percorso più conveniente per difendere le pensioni e in generale le prestazioni di oggi e del futuro. Come è stato più volte ricordato, la norma che prevede dal 2023 l’allargamento della base previdenziale è già legge. Si tratta dunque di una strada maestra, che non dovrà però precludere ipotesi alternative nel caso in cui si verificasse la non sostenibilità del deficit dell’istituto.

Vedremo chi saranno e che programma avranno dunque i nostri interlocutori. L’auspicio è quello di un dialogo che possa proseguire o anche avere inizio, senza pregiudizi e anche nel segno della discontinuità.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sedici − quindici =