INPGI, BILANCIO IN ROSSO PROFONDO. IN SEI MESI PERSI 400 POSTI DI LAVORO

di Paola Cascella *

Un bilancio Inpgi senza sorprese, con numeri da brivido, e purtuttavia un bilancio meno negativo del previsto, grazie ai risultati della gestione del patrimonio mobiliare.

I consiglieri di Inpgi Futuro si sono espressi a favore, con una dichiarazione di voto del consigliere e portavoce di Puntoeacapo Carlo Chianura.

Il disavanzo complessivo dell’Istituto di previdenza dei giornalisti, nell’assestamento 2019 si attesta su circa 150,7 milioni contro gli oltre 181 milioni che costituivano il saldo in preventivo. Poca cosa, naturalmente, di fronte ad una crisi del settore che continua ad apparire in caduta libera.

Solo nei primi sei mesi dell’anno sono stati 400 i colleghi che hanno perso il posto di lavoro. E il bilancio preventivo del 2020 porta il segno meno fino a circa 192,7 milioni. Lo ha detto la presidente Marina Macelloni elencando i dati di un profondo rosso che solo con la legge che prevede l’ampliamento della platea degli iscritti, allargandola ad altre figure professionali affini, e in molti casi sovrapposte a quella del giornalista tradizionale, si spera possa portare ad un’inversione di tendenza per i conti di via Nizza.

Nell’assestamento 2019 si registrano entrate contributive obbligatorie pari a circa 368,3 milioni, in calo di 1,4 milioni rispetto a quanto preventivato. Responsabile il perdurare del calo occupazionale. Al quale si aggiunge l’aumento della spesa pensionistica: 270 nuovi titolari , tra diretti e superstiti. Il numero complessivo dei trattamenti pensionistici diretti è pari a 7.279, mentre quello dei superstiti è di 2352. Con una spesa tra l’uno e l’altro di 536,9 milioni.

Nel 2020 si preventivano entrate contributive per 362,9 milioni, in crescita per 1,1 milioni rispetto al 2019. Da febbraio prossimo cessa il cosiddetto contributo di solidarietà sulle pensioni varato dall’ultima riforma con una diminuzione di 5,8 milioni rispetto alle entrate 2019. Nel 2020 la spesa pensionistica prevista è di 551,8 milioni con un incremento di 14,9 milioni rispetto al 2019, dovuto tra l’altro al rientro a carico dell’Inpgi degli oneri dei prepensionamenti.

Nel 2019 la spesa per gli ammortizzatori sociali si stima che sarà di 13,4 milioni, in diminuzione di 3,2 rispetto al preventivo.

Nel 2020 si prevede che il risultato della gestione patrimoniale sarà di 17 milioni contro i 46,1 dell’assestamento 2019, dovuti alla riqualificazione del portafoglio mobiliare attraverso la Sicav. Un’operazione fatta a marzo che ha già aumentato le plusvalenze di ulteriori tre milioni.

* Consigliera di amministrazione Inpgi per Inpgi Futuro

Nelle prossime ore un dossier sul bilancio di assestamento 2019 e preventivo 2020.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 − uno =