INPGI, CHIANURA: LA DIFESA DEL GIORNALISMO PASSA ANCHE DAL FUTURO DELL’ISTITUTO

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

La relazione al bilancio preventivo della presidente Macelloni interessa, più che per le considerazioni che contiene, per la esposizione cruda e ripetuta dei dati sulla situazione dell’Inpgi. E’ un modo per rendere ancora più chiaro l’orizzonte.

Ritengo opportuno – e in questo senso do per ripetuto il mio intervento in occasione dell’approvazione del bilancio di aprile – l’appello a un lavoro comune di tutela dell’istituto. Un lavoro che non vuol dire marmellata, ma riconoscimento della legittimità di alcune nostre analisi, che vanno anche indietro nel tempo e di molto. Con il risultato di compiere un esame di realtà su ciò che oggi è realisticamente possibile o non è possibile fare per tutelare il futuro dell’Inpgi.

Lo dico senza imbarazzi: un futuro ingresso dei giornalisti nell’Inps può essere nelle cose. Nelle cose ma non all’ordine del giorno. Per cui è velleitario, nonché una inutile e dannosa perdita di tempo, oggi, parlare di ipotesi inesistenti. Quindi, nel momento in cui c’è un organismo come il Consiglio di amministrazione che deve esaminare atti e deve deliberare, non capisco francamente di che cosa si stia parlando.

E lo affermo soprattutto in virtù di un altro fatto che a volte si trascura, a proposito di esami di realtà: esiste ormai da mesi una legge dello Stato che impone una serie di misure, quelle che richiedono all’istituto di aumentare le entrate e diminuire le uscite, giochi di prestigio a parte. Dopo di che prevede, a partire per ora dal 2023, un cambiamento del nostro perimetro previdenziale.

Sarebbe allora sbagliato sottovalutare un quadro che è certo più drammatico rispetto a quello dell’anno scorso, che è più drammatico di aprile e che è, a quanto si legge nel bilancio, meno pesante di quello che viene preventivato per il 2020. Ma una normale onestà intellettuale richiede di ribadire che una legge dello Stato prevede cose diverse rispetto a un ingresso a breve-medio termine nell’Inps. E che non è l’Inpgi da solo che potrà trovare risposte ai propri drammatici problemi.

Su questo vorrei dire due cose. La prima è che non ci possono essere risposte vecchie a problemi antichi, per esempio ricorrendo ancora una volta all’arma dei prepensionamenti. Non posso credere che qualcuno ancora pensi di risolvere i problemi della professione e di tutto ciò che da questi discende – parlo del nostro welfare professionale, dell’Inpgi, della Casagit, del Fondo complementare – ricorrendo a scelte che hanno dimostrato, non in un mese, non in un anno, ma in un decennio, quanta distruzione abbiano arrecato a tutto il sistema.

Non si tratta soltanto del rischio di demolire i conti di un istituto di previdenza, come è puntualmente avvenuto. E non stiamo parlando dell’altro ieri ma di oggi, visto che abbiamo perso nel primo semestre del 2019 400 posti di lavoro.

Per questo oggi voterò come in aprile – lo dico anche a nome della collega Paola Cascella – a favore del bilancio: perché è indispensabile in questa fase lanciare all’interno e all’esterno dell’Inpgi un segnale che è uguale e contrario a quello che il mio gruppo ha dato negli anni precedenti astenendosi o votando contro il bilancio.

Da qui discende la seconda considerazione con cui vorrei concludere.

Abbiamo anche noi il dovere di difendere quella “merce fragile” da maneggiare con cura che si chiama indipendenza della professione, la cui crisi provoca ricadute sulla democrazia di questo Paese, perché un giornalista ricattato economicamente è un giornalista che rende più fragile la democrazia di questo Paese.

Lo voglio ribadire qui in Cda perché mi sento parte del tutto. E quindi non posso tacere che anche dalle nostre decisioni e dal futuro dell’Inpgi deriva la difesa della professione giornalistica per la quale il mio gruppo è nato.

* Sintesi dell’intervento del portavoce di Puntoeacapo nella seduta del 24 ottobre 2019 del Cda Inpgi sul bilancio di assestamento 2019 e preventivo 2020.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno + 18 =