GESTIONE SEPARATA DELL’INPGI (INPGI2).

La gestione separata dell’INPGI (INPGI 2) rischia, così com’è, di non riuscire a garantire una pensione decente a chi esercita la libera professione. C’è bisogno di sfruttare le nuove norme, esercitare pressione per ottenere le modifiche di legge necessarie per migliorare le condizioni attuali e correggere quelle norme che ora penalizzano i colleghi e eliminare ogni forma di discriminazione per quel che riguarda prestiti, mutui e case in affitto.

I nostri primi obiettivi sono chiari:

  • arrivare alla stessa ripartizione, 2/3 a carico degli editori e 1/3 a carico dei giornalisti, per tutti i liberi professionisti e non solo – com’è oggi – per coloro che hanno Contratti di collaborazione coordinata e continuativa (Co. co. co);
  • ottenere una normativa che preveda la possibilità di percepire un’unica pensione unendo i contributi versati (anche per periodi più brevi di quelli attualmente previsti a Inpgi 1 e Inpgi 2);
  • trovare una soluzione per i compensi ricevuti come diritto d’autore;
  • stabilire con chiarezza la franchigia di 5 mila euro lordi annui, oltre la quale si cominciano a pagare i contributi alla Gestione Separata.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


12 + 10 =