PAOLA ANGELICI, SEI ANNI DOPO: INDIMENTICABILE

di Stefania Conti *

Sono passati 6 anni da quando Paola Angelici non c’è più. Sei anni lunghi per chi, come noi, l’ha conosciuta e amata.

Voglio ricordare la sindacalista e la donna. Una sindacalista appassionata come pochi, in questi anni di slabbramento e disaffezione . Una sindacalista per bene, non interessata a prebende e poltrone. Una che ci credeva.
Una sindacalista tenace, capace di portare avanti le sue battaglie con caparbietà e intelligenza. Tutti quelli che sono passati sotto la forca caudina del contratto a tempo possono testimoniare la sua volontà di non arrendersi mai. Si è spesa per i precari, e dunque i più deboli, con quella generosità che l’ha sempre caratterizzata.
Quando una persona muore, se ne parla sempre bene. Ma nel caso di Paola non è vuota ritualità. Paola era una persona stupenda. E’ la semplice verità. Chi l’ha conosciuta sa quanta carica umana, simpatia, voglia di vivere avesse e sapesse trasmettere agli altri. Una persona bella e solare che sapeva ridere, aiutare, consolare e proteggere. Una cosa mi ha colpito quando – ad un anno di distanza dalla sua morte – l’Associazione Stampa Romana ha deciso di dedicare a lei la sala riunione . Tutti parlarono della sindacalista. I redattori del servizio esteri del TG2 parlarono del “capo”. Il tempo dedicato al sindacato non è mai stato a detrimento del lavoro di redazione – hanno detto. E se avevi un problema, era la prima a darti una mano.
Sì, Paola era così .
E continua a mancarci per questo.

* Presidente della Consulta sindacale della Associazione Stampa Romana

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


7 + 4 =