SCIOPERO A LA 7: PIROSO CONDUCE UNA TRASMISSIONE. ASR: DEFERIMENTO AI PROBI VIRI

“Un fatto gravissimo ma non è l’unico che lui abbia compiuto nei confronti non solo del sindacato ma ancor più nei confronti della sua redazione, e non ci sorprende”. Così il cdr de ‘La7’ commenta la decisione del direttore della testata, Antonello Piroso, di condurre una trasmissione di approfondimento giornalistico nonostante per oggi fosse stato proclamato uno sciopero dal sindacato interno per la vertenza occupazionale, ovvero l’annunciato licenziamento di venticinque giornalisti su un corpo redazionale di novanta persone.

“Non va dimenticato – dice Adalberto Baldini, componente del cdr – che la lettera di licenziamento l’ha firmata proprio lui, il direttore, il quale al tavolo della trattativa che si è aperto ha rivendicato senza problema alcuno la paternità di questa operazione, aggiungendo che il piano dettagliato della struttura della redazione post-licenziamento l’ha studiata lui. E’ chiaro che uno così dopo va anche in onda, nonostante lo sciopero proclamato. Uno sciopero che chiama in causa lui direttamente, perchè Piroso comincia a sperimentare il futuro di noi”. Il componente del cdr sottolinea a tal proposito che erano in programma tre trasferte per seguire eventi politici internazionali che coinvolgono direttamente l’Italia, “il direttore ha cassato i preventivi e ne ha fatti degli altri senza prevedere la trasferta di giornalisti, puntando a trovare una troupe sul posto e un produttore che possibilmente parli bene l’italiano, così da aiutare nelle interviste”. Il componente del cdr aggiunge che ora si stanno valutando aspetti di deontologia professionale per questa vicenda della messa in onda nonostante lo sciopero, “valuteremo il da farsi”. E sottolinea infine che un secondo livello della questione riguarda direttamente i rapporti con il sindacato: “Ci aspettiamo che la Fnsi e l’Associazione stampa romana si muovano, e devono tenere conto del fatto che un componente della delegazione della controparte, perchè Piroso è uno di essa, si comporta in questo modo. Vogliamo sapere dal sindacato cosa intenda fare, vogliamo un segnale forte”, conclude.

“Chiederò alla Giunta di Stampa Romana di deferire ai probiviri dell’associazione il direttore de La7, Antonello Piroso, con la proposta di espellerlo dal sindacato.

Credo sia, però, necessario segnalare il suo comportamento anche all’Ordine dei giornalisti perchè verifichi che il suo comportamento sia o meno in linea con il dovere di ‘promuovere lo spirito di collaborazione tra colleghi’ come stabilisce la legge istitutiva della professione giornalistica”. Lo annuncia il segretario dell’associazione Stampa Romana, Paolo Butturini, sottolineando che “Il collega, anche se fatico a usare questa parola, Piroso, si era già segnalato per la sua mancanza di solidarietà verso la redazione apponendo la firma al piano di Telecom Italia Media che chiede il licenziamento di 25 giornalisti. Ora ha passato il segno mandando in onda la trasmissione ‘Omnibus’ nonostante lo sciopero dichiarato dalla sua redazione”. Butturini aggiunge che “il comportamento di Piroso al tavolo della trattativa si era segnalato per un eccesso di zelo che sembra aver imbarazzato persino l’azienda.

Prima di essere espulso – conclude il segretario di Stampa Romana – gli chiederò di mettersi in regola con le quote associative che non versa da tre anni, soldi che serviranno a difendere i colleghi che lui vorrebbe vedere messi in mezzo a una strada”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


18 − sei =