INPGI, SALE A 20.000 EURO IL CUMULO PENSIONE-REDDITI

Il Consiglio di Amministrazione dell’Inpgi, con la sola contrarietà dei due esponenti designati dalla Fieg, ha deciso di elevare la possibilità di cumulare redditi da lavoro (autonomo e dipendente) e pensione di anzianità dagli attuali 8 mila 900 euro a 20 mila euro.

Si tratta di una decisione che tende ad armonizzare, così come previsto dalla legge di privatizzazione dell’Istituto,  la normativa Inpgi alla legislazione generale che prevede la totale abolizione del cumulo dal primo gennaio 2009. A questa decisione si è arrivati attraverso un attento processo di analisi dei dati della platea dei giornalisti, dell’evoluzione del mercato giornalistico, delle proiezioni attuariali recentemente realizzate. Anche la Commissione Previdenza è stata chiamata ad esprimere un giudizio. “La stragrande maggioranza dei colleghi ha concordato sulla linea di un aumento sostanziale – afferma il Presidente dell’Istituto Andrea Camporese –  che supera il raddoppio dell’attuale soglia, permettendo ai giornalisti in pensione con meno di 65 anni di cumulare fino a circa 900 euro netti al mese senza vedere decurtato l’assegno di pensione. Il cumulo era e resta totale per le donne che abbiano compiuto i 60 anni, per gli uomini che abbiano superato i 65 e per chi va in pensione di anzianità con almeno 40 anni di contributi. Nel corso del Cda è stata decisa una verifica a 12 mesi dell’impatto della nuova norma, che ora viene trasmessa ai Ministeri Vigilanti per l’approvazione, per capire se si possa proseguire nel percorso che porta alla totale liberalizzazione del cumulo.L’Inpgi, in via assolutamente prioritaria, è chiamato a garantire la sostenibilità del suo sistema previdenziale per i prossimi decenni. D’altro canto le proiezioni attuariali, consegnate proprio in questi giorni dal professor Micocci, redatte secondo le regole stabilite dal Ministero del Lavoro, evidenziano, a partire dal 2021, uno squilibrio tra entrate per contributi e uscite per pensioni. Il mancato rinnovo del contratto di lavoro, la propensione al pensionamento non appena raggiunti i requisiti minimi, la diminuzione sostanziale delle medie retributive dei giovani giornalisti sono elementi che gravano sul quadro generale.Il nuovo livello di cumulo adottato sostanzialmente cancella le decurtazioni di pensione in essere alla quasi totalità dei pensionati che oggi esercitano la libera professione. I dati estratti dalla Gestione previdenziale evidenziano 457 iscritti con età tra i 58 e i 65 anni con una media di collaborazioni di 18 mila euro annui. Il nuovo limite stabilito supera le retribuzioni percepite per lavoro autonomo e dipendente da parte di circa l’85 per cento dei colleghi pensionati .Questo dato,  a maggior ragione, evidenzia lo sforzo che l’Istituto ha voluto mettere in campo in presenza di una erosione inflativa di salari e pensioni che grava pesantemente sui bilanci delle famiglie.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × due =