CONTRATTO, TRATTATIVA PIU’ DIFFICILE. PAUSA DI RIFLESSIONE PER FNSI E FIEG

Rischia di rompersi la trattativa tra la Federazione nazionale della stampa e la Federazione degli editori per il rinnovo del contratto di lavoro dei giornalisti, scaduto da quasi quattro anni. Dopo il lungo incontro del 2 dicembre nella sede della Fieg, le parti hanno concordato una pausa di riflessione per vedere se il negoziato può andare avanti senza disperdere i risultati raggiunti finora. Un nuovo round potrebbe tenersi martedì o mercoledì della prossima settimana.

Se in questi lunghi mesi di contatti tra le due delegazioni – quella della Fieg guidata da Alberto Donati, quella della Fnsi dal segretario Franco Siddi – le posizioni di giornalisti ed editori si sarebbero avvicinate sul fronte della multimedialità, restano sul tavolo essenzialmente due scogli: l’inquadramento giuridico delle figure di vertice delle redazioni, cioè direttore, vicedirettore e condirettore, e in particolare la possibilità di risolverne il rapporto di lavoro al venir meno del rapporto fiduciario; la questione del rapporto di lavoro e delle prestazioni a livello inter-aziendale e infra-gruppo, in pratica cioè la possibilità per i grandi gruppi di spostare i giornalisti tra diverse testate o iniziative. Se il primo nodo, a quanto si apprende, sembra più difficile da sciogliere, sul secondo Fieg e Fnsi appaiono decisamente più distanti.

Resta al palo la questione dell’adeguamento economico e della struttura della retribuzione dei giornalisti, compreso il problema degli scatti di anzianità: aspetti che la Fieg intende affrontare solo dopo aver chiuso il confronto sulla parte normativa del contratto.

Nel primo round la delegazione della Fnsi – presente anche il presidente Roberto Natale – ha illustrato agli editori anche le proprie posizioni sulla regolamentazione dei contratti a termine e ha presentato le proprie richieste di aggiornamento del protocollo relativo al lavoro autonomo. Nel pomeriggio, nel corso del dibattito, si sarebbe arrivati a un passo dalla rottura.

La trattativa non è saltata, ma resta appesa a un filo.

Il 3 dicembre è previsto un comitato di presidenza della Fieg, peraltro già in programma: in quella sede con ogni probabilità sarà valutato l’esito dell’incontro del 2 e si deciderà il da farsi. Restano confermate anche le riunioni della commissione contratto della Fnsi, prevista per mercoledì 10 dicembre, e della consulta dei comitati di redazione, in calendario giovedì 11. Ragionevolmente il nuovo incontro tra le parti si terrà prima di questi due appuntamenti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × 4 =