CONTRATTO, 180 DEL MESSAGGERO ALLA FNSI: DIFESA DEGLI SCATTI, NO ALLA ROTTAMAZIONE DEI GIORNALISTI

Per i giornalisti del ‘Messaggero’ è indispensabile che il nuovo contratto garantisca “la difesa e non la svendita del meccanismo degli scatti di anzianità”. Lo dice un loro documento diffuso oggi.

La Federazione della Stampa deve poi esprimere una “chiara e immediata presa di distanze” dal progetto che gli editori stanno mettendo a punto, perchè il governo lo trasformi in legge, che mira a mandare in pensione tutti i giornalisti con 58 anni d’età, senza rispettare il criterio della volontarietà.

Una “rottamazione selvaggia”, che lederebbe i diritti dei colleghi, manderebbe in rovina l’Inpgi, senza peraltro garantire nuove assunzioni. Infine, chiedono che le norme del nuovo contratto non contrastino con gli obiettivi di “qualità, completezza e indipendenza dell’informazione, valori che rischiano di essere calpestati dall’offensiva degli editori”.

E’ questo il contenuto di un documento firmato da 180 giornalisti del quotidiano romano, pari a quasi il 90 per cento della redazione, e affidato al Comitato di redazione, in vista della consultazione nazionale dei Cdr in programma l’11 dicembre.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici − nove =