CONTRATTO, LA REDAZIONE DI REPUBBLICA ALLA FNSI: NO ALLA MOBILITA’ SELVAGGIA, DIFESA DEGLI SCATTI

I giornalisti di Repubblica – in un documento sulle trattative per il rinnovo del contratto di lavoro votato all’unanimità al termine di una assemblea – ”respingono fermamente l’ipotesi di una mobilità selvaggia infragruppo e di un confuso lavoro multitestata senza regole concordate a livello nazionale e considerano inaccettabile una riduzione del livello degli stipendi anche attraverso un cambiamento degli automatismi salariali, soprattutto per quanto riguarda gli scatti di anzianità”. Una presa di posizione forte inviata alla Fnsi alla vigilia degli incontri del sindacato con la Federazione editori, della commissione contratto e della consulta nazionale dei Cdr.

I giornalisti ”rifiutano anche la licenziabilita’ dei vertici giornalistici, assolutamente non funzionale allo sviluppo delle testate. Respingono anche ogni ipotesi di prepensionamenti ‘obbligatori’ e senza piani editoriali condivisi e concordati secondo le attuali regole contrattuali”.

In piena solidarietà con il Comitato di redazione, l’assemblea dei giornalisti di Repubblica, si legge, facendo proprio il documento dell’Associazione Stampa Romana sui dodici punti cardine della trattativa con gli editori, esprime il suo convinto appoggio alla Fnsi e la invita a non permettere lo scardinamento del Contratto nazionale di lavoro giornalistico.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 2 =