CONTRATTO, SIDDI: TRATTATIVA “AD ALTO RISCHIO”. IL NODO MULTITESTATA. ATTESA PER LA CONSULTA DEI CDR

E’ ad “alto rischio” la trattativa tra la Federazione nazionale della stampa e la Federazione degli editori per il rinnovo del contratto di lavoro dei giornalisti, scaduto da quasi quattro anni. A ribadirlo è il segretario della Fnsi, Franco Siddi, il quale annuncia che dopo le valutazioni in commissione contratto, riunita in queste ore, e in Consulta dei comitati di redazione, convocata per domani, il sindacato “venerdì renderà note eventuali controproposte o altre iniziative a sostegno della vertenza”.

Il nodo, che Siddi definisce “un macigno messo sul tavolo degli editori”, resta quello del rapporto di lavoro fra testate dello stesso gruppo a fronte di richieste di mobilità da parte delle aziende. “Non siamo mai stati ottusi, ma stiamo incontrando ottusità incomprensibili”, sottolinea il segretario della Fnsi. “Siamo disponibili a governare il cambiamento in termini innovativi, ma non a subire atti autoritari o scelte di conservazione”.

La commissione contratto della Fnsi, convocata nel primo pomeriggio di oggi, è stata interrotta per alcuni approfondimenti nella sede della Fieg e torna a riunirsi in questi minuti. Domani tocca invece alla consulta dei cdr: “Riferiremo a che punto è arrivata la trattativa – spiega Siddi – e ascolteremo le sollecitazioni dei colleghi, valutando il da farsi con tutta la categoria. Il punto più delicato è il rapporto di lavoro fra testate dello stesso gruppo quando ci siano richieste di mobilità da parte delle aziende. Si tratta di un discorso difficile – continua il segretario della Fnsi – che non può esser affrontato con le modalità di lavoro tipiche dei bancari o dei piloti Alitalia, senza rispetto per la specificità dell’attività giornalistica”.

In queste ore il sindacato valuterà dunque “se esistono le condizioni per un avvicinamento in extremis fra le parti. Sarebbe un peccato se un contratto di grande innovazione dovesse saltare in aria per l’arroccamento degli editori su considerazioni di carattere meramente tecnico e produttivo. E’ importante, invece, saper considerare che dalla crisi si esce con progetti di qualità e respiro e che il giornalista non non è un numero, nè un peso da spostare come un pacco postale”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


venti − tredici =