CONTRATTO, AVVISO AI NAVIGANTI: OCCHI APERTI, GLI EDITORI MEDITANO SORPRESE

di Andrea Montanari  *

 

Il segretario della Fnsi  Franco Siddi ha concluso soddisfatto l’11 dicembre la Consulta nazionale del Cdr affermando che da giovedì «si sentirà più forte nella trattativa con gli editori» sul rinnovo del contratto dei giornalisti. I miei auguri più sinceri, in attesa di vedere se la Fieg veramente accetterà di mettere sul tavolo senza trucchi e rinvii «a partire da oggi» (come sta scritto nel documento finale approvato con 110 sì, 20 no e 2 astenuti)  le sue proposte economiche. Faccio notare, però, che hanno votato contro quel documento i Cdr di Correre della Sera, Messaggero, La Stampa, Adige, Apcom, Il Domani di Bologna, Rcs, il Mattino di Padova e il sottoscritto, che come noto fa parte del comitato di Redazione di Repubblica. «Comitati di redazione e parti di Cdr – come riporta giustamente il sito di Senzabavaglio – che rappresentano la maggioranza dei giornalisti nella Conferenza dei comitati di redazione».  Cosa che è passata inosservata all’Fnsi, ma non sfuggirà di certo alla Fieg.    

La Redazione di Repubblica, solo due giorni fa ha votato un documento all’unanimità diffuso dalle agenzie che recita: «I giornalisti di Repubblica respingono fermamente l’ipotesi di una mobilità selvaggia  infragruppo e di un confuso lavoro multitestata senza regole concordate nazionalmente. I giornalisti di Repubblica considerano inaccettabile una riduzione del livello degli stipendi anche attraverso un cambiamento degli automatismi salariali (soprattutto per quanto riguarda gli scatti di anzianità) e rifiutano la licenziabilità dei vertici giornalistici, assolutamente non funzionale allo sviluppo delle testate. Respingono anche ogni ipotesi di prepensionamenti “obbligatori” e senza piani editoriali  condivisi e concordati secondo le attuali regole contrattuali.  In piena solidarietà con il Comitato di redazione, l’assemblea dei giornalisti di Repubblica, facendo proprio il documento dell’Associazione Stampa Romana sui dodici punti cardine della trattativa con gli editori, esprime il suo convinto appoggio alla FNSI e la invita a non permettere lo scardinamento del Contratto Nazionale di Lavoro Giornalistico». E di fatti da oggi tutto il gruppo Espresso è in stato di agitazione.

Ecco perché non me la sono sentita di votare un documento che alla fine  mi è apparso debole, vago, rispetto ai propositi iniziali,  e in certi punti addirittura pericoloso. Devo constatare anzi che alla fine ho provato un certo imbarazzo. Oltretutto  il segretario Siddi  aveva fatto una relazione onesta. Dicendo finalmente come stavano le cose. E cioè confermando quello che da mesi avevano scritto molti siti. Compreso quello dell’Ordine nazionale. Il dibattito è stato interessante. Non era giusto sparare sulla croce rossa e giustamente nessuno l’ha fatto. Ma c’è un limite a tutto.

Non sfuggirà agli editori nemmeno che i cdr dei giornali come Corriere della Sera, Messaggero, io per Repubblica, il Giorno, il Mattino di Napoli e la Stampa hanno consegnato invece alla segreteria una raccomandazione alla giunta molto esplicita che chiede:

a)  La tutela del potere d’acquisto dei salari dei giornalisti attraverso l’attuale sistema degli scatti di anzianità;

b) il principio della volontarietà per qualunque prestazione multitestata e multimediale;

c) La mobilitazione contro i 25 licenziamenti alla 7 e a sostegno delle altre gravi vertenze in atto anche proclamando una giornata di sciopero nazionale;

d) il recupero del nodo cruciale della qualità dell’informazione come attuazione dell’art. 21 della Costituzione e la promozione  di una Conferenza nazionale sul tema.

Scatti di anzianità che sono stati difesi con decisione anche nell’intervento del rappresentante sindacale de la 7.

IL PERICOLO. Sul multitestata, nel documento finale,  ad esempio, si dice testualmente. «Non si può lasciare agli editori mano libera nel settore dei trasferimenti con il serio rischio  che questo possa divenire un’arma ri ricatto nei confronti delle redazioni». Ma poi di fatto si autorizza a trattare anche questo aggiungendo: «È per questo che si chiede che l’intera questione possa essere normata con l’inserimento di precisi confini, tali comunque da garantire i diritti già previsti dal contratto». Ma non doveva essere una proposta irricevibile?

Per non parlare  del fatto che non si dice nulla sugli scatti di anzianità e pochissimo della multimedialità. Il mandato che avevo ricevuto, del resto, non era certo quello di lasciare carta bianca. 

Stupisce e preoccupa che la vice segretaria Fnsi Daniela Stigliano (Quarto Potere), che dovrebbe rappresentare la Lombardia e anche Stampa Democratica in giunta abbia affermato dal palco: «La multitestata si può accettare. Si può accettare perché è un’arma che abbiamo usato a piene mani per evitare che i colleghi perdessero il posto. Per gestire la crisi». Dimenticando però di precisare che il multitestata può essere utilizzato per allontanare i colleghi scomodi.

Ma ieri l’ordine di scuderia era fin dall’inizio quello dell’allineamento. Si è capito subito quando abilmente Franco Siddi per spaventare sapientemente la platea ha «ipotizzato la proclamazione di ben otto giorni di sciopero». Dopo quel passaggio, è amaro doverlo constatare,  quasi più nessuno ha avuto il coraggio di pronunciare quella parola. Il documento finale è apparso quasi ispirato da membri della segreteria. È  quello che pensa veramente la base della nostra categoria? Lo vedremo presto.

I RISCHI. Il più grosso, anche se nessuno lo dice apertamente, è che gli editori prendano tempo, vista la lettura che la segreteria ha dato del comunicato finale. Magari in attesa che a gennaio venga discussa in Parlamento una proposta di legge per modificare le attuali norme che regolano la  legge 416 sulla ristrutturazione aziendali. Con le introduzioni di queste novità non sarebbe più necessario aprire uno stato di crisi per avviare dei prepensionamenti obbligati, ma basterebbe solo l’accertamento del cattivo andamento di alcuni indicatori. Siddi dice di non saperne nulla, ma ieri all’Ergife erano in molti ad ammettere che il rischio esiste.  

Il messaggio ai naviganti è dunque: massima attenzione. La rotta è ancora piena di pericoli. E le sorprese potrebbero non essere finite.

 

* Comitato di redazione di Repubblica. Membro del direttivo dell’Associazione lombarda giornalisti

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre + sette =