CONTRATTO, LA CONSULTA DEI CDR: RESPINGERE LE PROVOCAZIONI DEGLI EDITORI, AVANTI CON LA TRATTATIVA

I Comitati e i fiduciari delle redazioni, riuniti a Roma l’11 dicembre, hanno invitato la segreteria della Federazione Nazionale della Stampa “a proseguire senza alcuna esitazione il negoziato contrattuale, esplorando tutte le soluzioni possibili e respingendo le provocazioni degli editori”. Lo hanno fatto nel documento conclusivo di una giornata di lavori che ha messo a confronto le posizioni dei comitati di redazione nazionali con la segreteria e che è stato approvato con 110 sì, 20 no e 2 astenuti.

Le componenti sindacali delle redazioni chiedono alla Federazione di proporre anche “le iniziative di lotta che si riterranno necessarie appoggiando quelle già annunciate e attuate dai singoli Cdr e dai coordinamenti. Il negoziato è, al momento, l’obiettivo prioritario – continua il documento – ma deve caratterizzarsi esplorando già da domani mattina la disponibilità degli editori ad un confronto immediato e a tutto campo senza soluzioni di continuità”.

Convinti che “dalla costanza dell’impegno negoziale e dalla pervicace volontà di giungere alla firma di un accordo sostenibile e dignitoso, deriva la possibilità di garantire a tutti i giornalisti un contratto che salvaguardi la professione e i posti di lavoro”.La conferenza nazionale dei comitati e fiduciari di redazione si è aperta con la relazione del segretario generale della Fnsi, Franco Siddi, che ha fatto il punto sullo stato della trattativa con gli editori per il rinnovo del contratto nazionale esprimendo “forti preoccupazioni per la fase di estrema difficoltà che caratterizza il confronto in atto in un contesto economico e sociale di inedita gravità”.

Il segretario ha spiegato che punti centrali della trattativa, “condivisi con convinzione” dai Cdr in seguito, sono: “patto generazionale, tutela dell’occupazione, tutela sindacale e tutela del lavoro nelle nuove realtà multimediali”. La conferenza ha quindi confermato “la ferma volontà di giungere in tempi rapidi alla firma di un contratto”, che tuteli le fasce più deboli e garantisca il potere di acquisto degli stipendi chiedendo però che la categoria “prima di giungere alla conclusione del negoziato contrattuale possa disporre di un quadro complessivo quanto più completo possibile sia per quanto riguarda la parte normativa sia per quanto riguarda quella economica”, una condizione indispensabile questa perchè i Cdr “possano esprimere una valutazione generale disponendo di tutti gli elementi maturati non ultimi quelli relativi alle buste paga e alla dinamica salariale”.

I Comitati di redazione chiedono inoltre di non “lasciare agli editori mano libera nel settore dei trasferimenti”, chiedendo che l’intera questione sia normata con precisi confini che garantiscano “i diritti già previsti dal contratto senza alcuna concessione che possa stravolgere l’attuale sistema di garanzie”.

Ma sono anche convinti che dal confronto con gli editori “non possano restare fuori gli aspetti riguardanti la qualità del lavoro e dell’informazione”, respingendo “imposizioni editoriali che pieghino gli spazi, le forme e i contenuti informativi alle pur legittime esigenze pubblicitarie”.

Infine la solidarietà ai colleghi del La7 impegnati in una durissima vertenza nella certezza che “la loro vicenda continuerà ad essere seguita con la massima attenzione e partecipazione, anche con la disponibilità ad iniziative di lotta solidali”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × cinque =