CONTRATTO: A DIFESA DELL’INPGI AUMENTI ADEGUATI, MAGGIORI CONTRIBUTI PER GLI EDITORI,SCATTI IMMUTATI

di Silvana Mazzocchi *

 

 

Il 2008 sta per finire e il contratto non c’è ancora. Nonostante le promesse ormai antiche (dal congresso Fnsi di Castellaneta sono trascorsi ben quattordici mesi), il segretario Franco Siddi non è riuscito a dare un contratto alla nostra categoria, che aspetta da quattro anni. Le perdite per le tasche dei giornalisti, già impoverite dai 18 giorni di sciopero fatti durante il precedente governo sindacale e dalla sferzata dovuta alla crisi, sono state ingenti. E il costo degli scioperi e il mancato incremento contributivo pesa tuttora sulle casse dell’Inpgi e della Casagit, quest’ultima già enormemente penalizzata da una gestione che ha causato un pesante buco alle sue riserve.

Ma quale contratto augurarsi?

Puntoeacapo si è più volte espresso nel merito e, da tempo, il punto di caduta è stato fissato nei dodici capitoli votati all’unanimità dal direttivo dell’Associazione Stampa romana in cui la nostra corrente governa con la maggioranza ( http://www.puntoeacapo.mjhost.org/index.php?view=article&id=117%3Acontratto-documento-unitario-alla-asr-difesa-degli-scatti-difesa-della-professione&option=com_content&Itemid=53 ).

Un documento che fissa alcuni irrinunciabili paletti, tra cui la salvaguardia degli scatti di anzianità e il referendum alla firma del negoziato.La realtà, però, non solo mostra quanto sia tuttora indietro lo stato delle trattative, ma induce anche al pessimismo della ragione. Infatti anche se, dopo settimane in cui sembrava che il dialogo Fnsi-Fieg si fosse definitivamente interrotto, è stato ora fissato per metà gennaio un nuovo appuntamento tra le parti, il negoziato resta arenato sulla questione della mobilità. Su due nodi, fondamentali per la salvaguardia dell’autonomia professionale e per la libertà di stampa: la possibilità di ricorrere alla cessione del contratto da una testata all’altra e gli effetti della legge Biagi.

Scogli di non poco conto dalla cui soluzione dipende il proseguimento della trattativa. E che possono condizionare in modo determinante l’importantissimo capitolo della multimedialità. Quanto alla parte economica, per ora ancora nulla di fatto: gli editori pretendono che prima di affrontarla si definisca l’aspetto normativo e dunque, a tutt’oggi, non è dato sapere né di quanto potrebbe essere il reale aumento in busta paga, né come si risolverà l’annosa questione degli scatti.

E’  quindi del tutto evidente che, allo stato dei fatti, qualsiasi ragionamento non può che essere generico. E qualsiasi analisi di prospettiva può essere tacciata di superficialità al grido di non disturbate il manovratore.

Ma la questione cambia aspetto se guardiamo al contratto con l’ottica delle ipotesi concrete che riguardano i numeri. Delle entrate e delle uscite.

Inpgi. Entro gennaio dovrebbe andare in Parlamento la riforma della 416 (la legge che regola gli stati di crisi editoriali) per la parte che concerne gli ammortizzatori sociali. E l’onere nei casi di ristrutturazione dovrebbe passare, finalmente, dall’Inpgi (e quindi dalle tasche di tutti i giornalisti) allo Stato. Con la modifica-stralcio di questo solo aspetto della legge (e dunque, per quel che se ne sa, non anche di quello che regola la possibilità di ricorrere allo stato di crisi), l’Inpgi potrebbe essere alleggerito dal peso di quei prepensionamenti che attualmente sono previsti dalla 416 e che promettono (vista la crisi globale dell’editoria) una lunga stagione di prepensionamenti.

Un alleggerimento per il quale l’Inpgi si è data finora molto da fare. Ma, come è del tutto evidente, per calcolarne peso e valore reali, si dovrà aspettare di vedere come la norma sarà riscritta. Perché, anche qualora d’ora in poi gli ammortizzatori sociali (estesi dai quotidiani anche ai periodici) venissero pagati dallo Stato come ci auguriamo, all’Inpgi resterebbe comunque l’onere di  far fronte all’eventuale indennità di disoccupazione e alla contribuzione figurativa dei colleghi messi fuori dalle testate in crisi. Nonché, nei casi di scivolo previsti dalla legge, di farsi carico di pagare anticipatamente le pensioni ai suoi iscritti. Un conto comunque salato, (alle uscite per le indennità pensionistiche vanno ad aggiungersi le mancate entrate dei contributi di chi smette di lavorare, in genere colleghi con buste paga rese pesanti dagli scatti e che non vengono quasi mai sostituiti con figure giornalistiche paritarie). E un conto che si moltiplica, visto che si calcolano dai 700 ai 900 colleghi a rischio e che da tempo, comunque, gli editori non ricorrono più automaticamente al turn over.

Una previsione di spesa che, se si considerano le perdite già subite, dovrà con il contratto necessariamente trovare un riequilibrio con adeguati aumenti salariali, con la garanzia degli scatti d’anzianità e con l’incremento dell’aliquota contributiva pagata dagli editori. La data decisiva per saperne di più, l’abbiamo detto, è metà gennaio. Per allora la questione della mobilità si dovrà coniugare con la soluzione parlamentare alla 416. E allora, norme e conti alla mano, la Fnsi dovrà confrontarsi con i colleghi. Mentre, da come verranno ridisegnati gli articoli contrattuali che riguardano mobilità e multimedialità, dipenderà il futuro professionale dei giornalisti. 

Così come agli aumenti in busta paga, irrinunciabili per restituire potere d’acquisto ai salari, e dalle norme che riguardano free lance e le garanzie per i precari, è legato il futuro del sindacato e dunque della categoria per avere potere contrattuale nei confronti degli editori. Dalla salvaguardia dell’automatismo degli scatti d’anzianità,  infine, dipenderà la capacità di resistenza e la possibilità per i giornalisti di sottrarsi a ricatti e pressioni sempre più invasivi. Ne va della dignità della categoria e della libertà d’informazione.   

Colgo l’occasione per rivolgere a tutti i colleghi i miei sinceri auguri di Buon Natale e Buon Anno.   

* Consigliere d’amministrazione Inpgi, portavoce di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno + sei =