INPGI 2: RECEPITA LA LEGGE SUL WELFARE. PIU’ CONTRIBUTI E TUTELE PER I CO.CO.CO

di Cinzia Romano *

Aliquote contributive più alte, pagate direttamente dai datori di lavoro, e per due terzi a loro carico. La legge sul Welfare, frutto del protocollo sottoscritto un anno fa da Fnsi e Fieg, verrà finalmente applicato ai collaboratori coordinati e continuativi (co.co.co) iscritti alla Gestione separata dell’Inpgi.

Il Comitato amministratore dell’Inpgi ha infatti oggi approvato all’unanimità la delibera che passa ora al vaglio dei Ministeri vigilanti per la definitiva approvazione. Si tratta di novità rilevanti che permetteranno ai co.co.co di poter contare, grazie a contributi più robusti, su pensioni più alte. L’aliquota contributiva dal 1 gennaio 2009 passa da quella attuale del 12% (10% a carico del lavoratore e il 2% a carico del committenti) al 18,75% per due terzi a carico del committenti.

Sarà inoltre il committente e non più il giornalista a dover versato alla gestione separata dell’INPGI l’intera aliquota contributiva che salirà ogni anno (il 23,40% nel 2010 e il 26% nel 2011) fino a raggiungere appunto nel 2011 la parificazione con quanto avviene per la gestione separata dell’INPS. Queste aliquote si riferiscono ai giornalisti co.co.co che non hanno altre posizioni assicurativi e non sono pensionati.

Per i pensionati e i giornalisti iscritti ad altri istituti le aliquote saranno più basse e arriveranno nel 2011 al 17%.Per i co.co.co sarà possibile anche riscattare i periodi di collaborazione precedenti, la laurea e anche proseguire volontariamente la contribuzione e, se non sono iscritti ad altri istituti previdenziali, la pensione scatterà a 60 anni per le donne e a 65 per gli uomini. I co.co.co inoltre avranno un indennità di degenza in ospedale e di malattia e l’estensione dell’indennità di maternità.Il comitato amministratori ha inoltre deciso di estendere a tutti gli iscritti la possibilità di riscattare la laurea e di cumulare i periodi assicurativi non coincidenti per poter avere un’unica pensione (totalizzazione).   

La delibera punta quindi a garantire pensioni migliori a coloro che hanno un rapporto di lavoro non subordinato. Certo, occorrerà evitare che queste norme a garanzia dei co.co.co non vengano stravolte di fatto dagli editori con disdette di massa delle attuali collaborazione. Solo la vigilanza e l’azione congiunta di Inpgi e sindacato potrà scongiurare e contrastare questo rischio. Anche per questo il Comitato amministratore ha auspicato la ripresa del confronto tra le parti sociali in sede ministeriale per dare risposte sempre più adeguate ai colleghi che esercitano la libera professione, non sempre per scelta ma per imposizione degli editori.

Con la delibera di oggi, il Comitato amministratori continua il suo lavoro che ha come unico obiettivo quello di migliorare le condizioni di lavoro e di vita dei colleghi libero professionisti. Nel mese scorso, vi ricordiamo, è stato anche deciso di poter versare i contributi alla Gestione separata attraverso il modello F24, che consentirà a coloro che vantano crediti dall’Amministrazione Finanziaria di compensare il pagamento dei contributi. Per i prestiti vi ricordiamo che il massimale è stato aumentato a  15mila euro e con la compagnia di Assicurazione La Fondiaria è stata stipulata una polizza infortuni (è deducibile dalla denuncia dei redditi) estremamente vantaggiosa per gli iscritti.

Novità importanti che però non ci devono accontentare. I colleghi ci segnalano ogni giorni problemi e difficoltà che, come amministratori, intendiamo affrontare e risolvere positivamente. Non fateci mancare i vostri suggerimenti! Come sempre sono a vostra disposizione e potete scrivermi o telefonarmi. L’indirizzo di posta elettronica è: cinziaromano@tiscali.it e il numero telefonico è 06.5899774.A voi tutti l’augurio di buone feste e di un 2009 ricco di soddisfazioni in tutti i campi.

* Comitato amministratore inpgi2, esecutivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque + otto =