INPGI, PERCHE’ SCEGLIERE PUNTOEACAPO: IN CAMPO PER DIFENDERE GLI STIPENDI E LE PENSIONI

L’Inpgi, salvo le verifiche di fine anno che potrebbero ridimensionare le aspettative, chiuderà il 2008 con un bilancio positivo (63 milioni di avanzo, ma erano stati 110 l’anno precedente) e una riserva di oltre un miliardo di euro. Un buon risultato, ma non il migliore possibile. L’Inpgi non è uscito indenne dalla tempesta finanziaria e il mancato contratto ha fatto perdere alle sue casse oltre 8 milioni di euro e ben 18 milioni di euro sono andati persi con le giornate di sciopero. Soldi in meno, e parecchi, che si vanno ad aggiungere a quelli spesi per la disoccupazione (9,4 milioni più 960.000 per cassa integrazione e contratti di solidarietà) e per l’aumento indiscriminato dei contratti a termine e alla percentuale minore di incassi (-7,32%) che equivale alla quota di contributi versata in meno dagli editori, rispetto alle altre aziende del Paese.

Il futuro non è roseo: la categoria è ancora in attesa del nuovo contratto, premessa fondamentale per i contratti integrativi. E, mentre gli aumenti salariali dovranno garantire all’Istituto l’incremento contributivo necessario a rendere ancor più stabile l’Istituto, Puntoeacapo è convinto che gli scatti di anzianità siano una priorità da difendere. Non solo perché rappresentano l’unico automatismo salariale e dunque una insostituibile garanzia d’indipendenza per tutti i giornalisti. Ma anche perché, attraverso l’aumento automatico in busta paga, costituiscono un’entrata cospicua e irrinunciabile per le casse dell’Inpgi.

Riteniamo inoltre che si debba fare di più per sostenere i pensionati e il loro potere d’acquisto. L’Istituto ha già approvato la decisione di destinare alla fine di ogni anno una parte dell’eventuale attivo di bilancio in loro favore, ma i ministeri vigilanti non hanno accolto la delibera. E’ necessario trovare una rapida soluzione.

Devono poi essere salvaguardati i disoccupati e i precari. La riforma varata dall’ Inpgi è riuscita a ridurre , ma non ad abolire la possibilità che hanno gli editori di sfruttare i colleghi per poi scaricare sull’Istituto oneri pesantissimi.

Infine, siamo decisi a garantire una migliore manutenzione delle case Inpgi. E, soprattutto, ad affrontare una generale revisione della gestione immobiliare che assicuri un migliore servizio a tutti gli inquilini. E che, da una parte, faccia salvo il principio di solidarietà verso i colleghi che abitano negli appartamenti dell’Istituto o che siano nella necessità di avere un alloggio in affitto. Ma che, dall’altra, ottimizzi gli investimenti immobiliari destinando le risorse disponibili all’acquisto di uffici e di spazi commerciali non escludendo a priori l’idea di vendere le case ai giornalisti inquilini. Un’ipotesi non del tutto irrealistica, anche se prima dovrebbe comunque essere seriamente esaminata per verificarne la praticabilità, dal momento che il valore degli immobili costituisce la riserva tecnica da preservare a garanzia delle pensioni di tutti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 − due =