REFERENDUM, L’ASR CHIEDE CHE ARRIVI PRIMA DELLA FIRMA DEFINITIVA AL CONTRATTO. E SCATTA UNA DIFFIDA

di Carlo Chianura *

Voteremo il 29 e il 30 maggio, un venerdì e un sabato, nei seggi e per ben dodici ore complessive. Ma poi, voteremo su che cosa? Su un contratto già firmato? Questo il segretario della Fnsi Siddi non lo spiega e sul sito della Federazione non compare un comunicato ufficiale della giunta che spieghi il che e il come, ma un dispaccio Ansa. Cautela, non si sa mai…

Diciamolo subito: il rischio è che si possa votare dopo la firma definitiva del contratto siglato il 27 marzo da Fnsi e Fieg. Se ciò accadesse sarebbe la classica beffa che si aggiungerebbe al danno di un contratto al ribasso come quello che abbiamo esaminato in queste settimane sotto tutte le angolature possibili.

Approveremmo o bocceremmo un accordo definitivo: che senso ha? E ci permettiamo di dubitare che, come ha sostenuto Siddi a Bologna, in presenza di una sonora bocciatura la Fnsi avrebbe la forza oltre che la volontà di annullare il contratto già firmato.

Al contrario, se si votasse oggi non sarebbe così, poiché dal punto di vista formale e in assenza di firma definitiva c’è ancora vacanza contrattuale.

Il rischio della consultazione-beffa c’è tutto, tanto che la segreteria della Associazione Stampa Romana, di cui fa parte anche Puntoeacapo, ha sentito di dovere diffondere un documento breve ma chiaro per far capire che i giornalisti del Lazio non sarebbero d’accordo su una scelta del genere da parte della Fnsi.

“La Segreteria dell’Associazione Stampa Romana, attraverso l’intervento del segretario Paolo Butturini”, si legge nel documento, “ha chiesto alla Giunta della Federazione nazionale stampa italiana di convocare al più presto il referendum sulla bozza del nuovo contratto e comunque prima di renderlo effettivamente operativo con tutti i passaggi previsti al Ministero del Lavoro. La Segreteria, la Giunta e il Direttivo valuteranno successivamente le decisioni della Giunta nazionale e il conseguente atteggiamento dell’Associazione Stampa Romana”.

Proprio su questa lunghezza d’onda si sono mossi alla vigilia della riunione della giunta alcuni esponenti delle opposizioni presenti in consiglio nazionale, che hanno inviato al segretario della Fnsi una formale diffida a firmare prima che sia chiaro come si sono espressi i giornalisti italiani. “Nello spirito della mozione unitaria sul referendum approvata al congresso di Castellaneta”, hanno scritto in un telegramma a Siddi Massimo Alberizzi (Senza Bavaglio), Corrado Giustiniani (Puntoeacapo), Luigi Monfredi (Fnsi – L’Alternativa), “diffidiamo il segretario generale della Fnsi Franco Siddi ad apporre la firma definitiva al contratto di lavoro giornalistico prima che sia ufficializzato l’esito del referendum”.

Vedremo come andrà a finire. Così come scopriremo anche dalle modalità del voto se la Fnsi avrà davvero voglia di capire come la pensano i giornalisti italiani su questo contratto. Basterà, per capirlo, vedere quanto tempo effettivo sarà concesso per votare, dove sarà possibile farlo, specie nelle grandi città, se nelle redazioni maggiori sarà possibile aprire seggi.

Trasparenza. Le premesse non sono buone, ma non è una novità. Trasparenza che chiediamo da sempre e questa volta con più forza. Avvertendo che almeno nel Lazio, essendo federata alla Fnsi, l’Asr potrà riservarsi spazi di autonomia per organizzare capillarmente i seggi elettorali. E’ semplicemente una questione di democrazia.

* Consigliere dell’Asr e dell’Inpgi, esponente di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 × uno =