CONTRATTO, BUTTURINI (ASR) DOPO IL REFERENDUM: IL SINDACATO SI DEVE RIGENERARE

La vittoria del sì al referendum sul contratto dei giornalisti “legittima ulteriormente, dopo il voto del Consiglio Nazionale e dei Cdr, l’operato della Fnsi e la validità del contratto”, commenta Paolo Butturini, segretario dell’Associazione stampa romana, che invita però a interrogarsi “sulla modesta affluenza al voto” e sulla necessità per il sindacato di “rigenerarsi”.
“I numeri – dice Butturini in una nota – chiedono al sindacato di rigenerarsi, di riorganizzarsi e guardare avanti mantenendo uno stretto rapporto con le redazioni e con tutti quelli che, fuori dalle redazioni, esercitano comunque la professione giornalistica, spesso in condizioni inaccettabili. Un sindacato che deve dotarsi di strumenti nuovi per ragionare sul futuro della professione, per governare il passaggio della crisi strutturale e della multimedialità, impedendo che vadano a scapito della centralità dei giornalisti e della qualità dell’informazione. Un sindacato che deve affrontare il nodo del rapporto fra formazione e mercato del lavoro e sostenere una vera riforma dell’Ordine che non può più essere rinviata. Un sindacato, infine, che deve prendere atto che gli attuali modelli contrattuali non sono più idonei a rappresentare l’intera categoria – conclude – a cominciare dai giornalisti televisivi”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 + tre =