REFERENDUM, I GIORNALISTI DEL NO: E ORA GLI EDITORI AVRANNO MANO LIBERA

Il risultato del referendum sul contratto dei giornalisti “è una sconfitta per tutti”: è la valutazione dei Giornalisti del No, di cui fanno parte tra gli altri i comitati di redazione del Corriere della Sera, della Stampa, del Messaggero, della Nazione, del Giorno e dell’Adige.
“Per la nostra categoria, innanzitutto – spiega il movimento  – che si ritrova con un contratto che dà mano libera agli editori, interpreta la flessibilità in modo selvaggio, indebolisce le rappresentanze sindacali, favorisce centinaia di pensionamenti anticipati senza creare nuovi posti di lavoro e mortifica le retribuzioni dei giornalisti. Per la Fnsi che, nonostante gli appelli ed una campagna martellante per il sì, giunta a utilizzare persino gli sms a spese dell’intera categoria, è riuscita a portare al voto poco più di 3.000 colleghi, il 10% degli aventi diritto, imponendo il voto su un contratto già in vigore, e non su un’ipotesi di accordo, come impegnava il mandato congressuale”.
Il risultato, continua la nota, è una sconfitta anche “per il fronte del no, che ha evidentemente mancato l’obiettivo di sensibilizzare i giornalisti sugli effetti più pericolosi del contratto e di scuotere una categoria decisamente rassegnata e passiva, raccogliendo comunque il quaranta per cento dei consensi. Per i lettori, gli ascoltatori, i telespettatori ai quali sarà riservata una informazione ancora più condizionata, manipolata e controllata rispetto al già desolante panorama odierno. Per l’immagine dell’Italia, infine – concludono i Giornalisti del no -, destinata a scendere ulteriormente nella classifica dei paesi realmente liberi, moderni e democratici”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattordici + 4 =