CASAGIT, CON LA NEWSLETTER LA PROPAGANDA DEL VECCHIO CDA COLPISCE FINO ALLA FINE

di Corrado Chiominto *

La sottile arte della propaganda non abbandona i vertici che fino ad oggi gestiscono la Casagit. Con tempismo cronometrico hanno sentito il bisogno di informarci, proprio poco prima dell’apertura dei seggi, che “il consiglio uscente ha già consegnato agli uffici il mandato di procedere ad una revisione totale degli accordi” per le convenzioni, procedendo ad una manovra che tagli “rami secchi” che garantisca “qualità dell’offerta”.

Cosa fare: urlare nuovamente all’utilizzo di parte degli strumenti pagati da tutti proprio alla vigilia delle urne? Sembra però quasi di ululare alla luna. Basta invece che i colleghi facciano una semplice comparazione tra quello che si sostiene nella newsletter con la realtà dell’ultimo bilancio (19 milioni di buco nel 2008 di cui 4,6 milioni di vero e proprio disavanzo dovuto per 1,5 milioni anche alla mancata riscossione di crediti prima invece iscritti in bilancio) per vedere la differenza tra parole, mancanza di tempismo nell’azione di risanamento e realtà.

E’ sufficiente farsi una domandina: perché non l’hanno fatto prima visto che governano blindati la Casagit da almeno tre mandati? Cosa ne pensano i colleghi chiamati in questi giorni a pagare i bollettini integrativi per i familiari a carico?

Serve un vero cambiamento, che parta anche dalla “democrazia informativa”, che un istituto al quale versiamo i contributi in modo obbligatorio deve avere nei nostri confronti. Che intendo? Basta guardare le news pubblicate sul sito Casagit. Tra i tanti spot dei vertici in difesa del loro operato – gestiti anche questi con una sorta di Cencelli tra i vari leader di maggioranza presenti all’interno della Casagit – c’e’ anche il comunicato dei presidenti e segretari di alcune Associazioni regionali di stampa che si schierano per il sì al referendum sul nuovo contratto di lavoro e c’è anche la notizia dell’ultima assemblea.

E’ la notizia che il bilancio-voragine è stato approvato con soli 25 voti a favore, 9 contrari (tra cui il mio) e 10 astenuti, sugli 80 aventi diritto. Bene, è l’unico file nel quale si puo’ leggere tra le righe il dissenso sull’attuale gestione. Peccato che sia anche l’unico file che non è possibile aprire.

* Delegato uscente, candidato nella lista Salviamo La Casagit

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


otto − sette =