QUARTO POTERE E ALTRI INTERESSATI CI FANNO LA MORALE. LORO SI’ CHE SONO IL NUOVO CHE AVANZA

Sul sito della corrente milanese “Quarto Potere” è apparso un intervento, già pubblicato nel sito di Franco Abruzzo, che attacca la decisione di Puntoeacapo di appoggiare le liste “Salviamo la Casagit” in quattro regioni. Questa è la risposta di Francesco Gerace, tra i fondatori della nostra componente. 

di Francesco Gerace

Cari colleghi di Quarto Potere,
Dio vi renda merito per avere spernacchiato quei quattro cretini di Puntoeacapo che pensavano di farla franca, nascondendo le proprie orride sembianze dietro la lista “Salviamo la Casagit”.  Pochi in verità si erano accorti del misfatto. Ma voi siete stati bravi a gridarlo ai quattro venti.  Voi sì che siete il nuovo che avanza, nel 2001 eravate ancora col pannolino. O no?

Mi sbaglio ? O forse qualcuno di voi già c’era nel sindacato? Anche prima del 2001? Come dite? Era più d’uno? Erano tanti? Molti? Vabbe’, forse mi sono sbagliato. Ok, ritiro tutto. Nel 2001, nel lontano 2001 in cui nacquero quelli di Puntoeacapo che cercano di spacciarsi per giovani, voi invece c’eravate già da lungo tempo. Bazzicando per correnti varie e diverse, giusto per annusare l’aria. Insomma, accusate Puntoeacapo che si spaccia per giovane senza esserlo, e voi siete più vecchi di tutti! Beh, ditelo e chiudiamola qui.

Tuttavia, mi sorge un altro dubbio. Ma non è che per caso voi di Quarto Potere, voi che mandate queste email così belle e piene di notizie buone, siete gli stessi che erano alleati con Puntoeacapo, anzi che lo sono stati per tanti anni, e che poi – di punto in bianco e senza nemmeno dare spiegazioni –  vi siete fatti assorbire dalla maggioranza che governa gli enti di categoria, in cambio di qualche posto nella giunta Fnsi, nel cda Inpgi e nella giunta lombarda?

Non è che voi di Quarto Potere siete gli stessi che si candidarono al congresso di Castellaneta con la bandiera dell’opposizione alla gioiosa macchina da guerra elettoral-sindacale di Autonomia, e subito dopo il congresso – senza che nulla fosse cambiato nel frattempo, a parte qualche carica ricevuta – diventarono pappa e ciccia con gli avversari di sempre e ne sposarono la linea ?

E’ come se domani Dario Franceschini si alleasse improvvisamente con Berlusconi, senza fare nemmeno un congresso e un comunicato agli elettori. Subito dopo vedremmo nel consiglio dei ministri Veltroni e D’Alema, a braccetto con Scajola e Bondi. E che pensare se oltre a entrare nel governo questi del Pd li vedessimo sbeffeggiare e spernacchiare i quattro gatti dell’Idv e dell’Udc che coerenti sono rimasti all’opposizione! 

Ora che fate con la Casagit ? Vi candidate contro i vostri nuovi alleati di Autonomia che la Casagit governano da decenni in splendida e beata solitudine? Forse vi preparate a cambiare casacca un’altra volta?  E come spiegate ai vostri elettori, e all’elettorato tutto, che quegli alleati che sono buonissimi in Fnsi, Inpgi e Lombarda, perché vi fanno lucrare qualche posticino negli organismi che contano, poi non sono più alleati buoni se si parla di Casagit ? Forse siete in disaccordo sull’applicazione del manuale Cencelli? È strana questa cosa, strana assai.

E avete il coraggio di criticare quelli di Puntoeacapo che sono gli unici rimasti a fare un minimo di opposizione alla gestione bulgara degli organismi di categoria? Avete la sfrontatezza di attaccare quelli che dovreste ringraziare, perché la loro presenza e tenacia come oppositori di questa gestione disinvolta della vita sindacale fa sì che molti non abbiano ancora stracciato la tessera, mandando all’aria il poco che rimane di questa farsa che ci ostiniamo a chiamare vita sindacale.

Continuate così, fate i deboli coi forti e i fortissimi coi deboli. Urlate e spernacchiate l’opposizione con i suoi piccoli numeri, e calate le braghe di fronte al deficit stratosferico della Casagit e alle responsabilità dei vostri alleati. Non fate domande e non chiedete risposte. Fate finta di nulla. Vedrete che nel nuovo consiglio Casagit i vostri alleati vi concederanno qualche posticino, giusto per chiudere la questione, e voi continuerete a dare schiaffoni a quei farabutti di Puntoeacapo che hanno addirittura osato presentarsi alle elezioni, sebbene mascherandosi.

Perché, come insegnano i soviet e la Bulgaria dei bei tempi andati, vi siete purtroppo convinti che alcuni, cioè voi e i vostri amici, hanno titolo per fare tutto e il contrario di tutto, mentre ad altri è vietato persino esprimere opinioni ed esistere. In nome di un piccolo regime da operetta che credete d’aver instaurato e dentro al quale vi riparate. E qui vi sbagliate. Non è un regime da operetta, ma il delirio del potere che fa brutti scherzi.

Buona campagna elettorale 
  
Francesco Gerace, della corrente minoritaria romana di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × tre =