LETTERA APERTA ALL’USIGRAI: MORATORIA SUI PRIMI TRE SCATTI DI ANZIANITA’

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta al segretario Usigrai Carlo Verna, all’esecutivo Usigrai e ai Cdr Rai. E’ firmata da Gabriella Lepre, giornalista del Gr e consigliere di Stampa romana, e da altri 50 giornalisti delle testate Rai (Tg1, Tg2, Tg3, Tgr, Giornale Radio, Televideo, Rai Italia, Rai Parlamento).

Siamo quelli dell’accordo del 2005. Siamo quelli della “fascia A1 e delle fasce A2, A3, A4″… Siamo quelli che hanno rifondato il coordinamento precari. Siamo quelli che dopo 10, 11, 12 anni di precariato , di contratti art. 2 e stipendi depotenziati non hanno fatto causa.Siamo quelli che hanno creduto nella via sindacale mentre altri criticavano gli accordi Usigrai-azienda e ricorrevano in giudizio.

Molti di noi provengono dalle scuole di giornalismo. Molti altri, giornalisti reduci dalla grande crisi editoriale degli anni 90, sono arrivati in Rai  chiamati dalle liste dei disoccupati. Questo era il passato.

Ora siamo giornalisti professionisti di tutte le testate del servizio pubblico. Molti di noi hanno 40 anni e più. Troppi hanno dovuto accantonare sogni di carriera. Molte di noi per i lunghi anni di precariato hanno perso l’appuntamento con la maternità. Molte altre per la maternità si sono viste mettere da parte dalla testata di riferimento….

I “nuovi” giornalisti a tempo determinato, anche grazie a noi, oggi sono meno precari, possono contare su  un percorso certo, sulle regole. Per oltre un decennio quando a noi finiva il contratto erano mesi di angoscia e incertezza.

Alla Rai abbiamo dato tanto. Più di quello che ci è stato riconosciuto. Alla fine del cosiddetto “contratto d’ingresso”  di 24 mesi abbiamo dovuto dire addio con una transazione tombale all’anzianità, anni e anni di professione con la quale abbiamo arricchito il patrimonio informativo del servizio pubblico radiotelevisivo.

Da sempre siamo stati con il sindacato nelle sue battaglie per la libertà d’informazione e  per il rinnovo del C.N.L.G.

Ora con questo nuovo contratto, per quest’iniqua  moratoria di 9 mesi – un regalo di cui l’azienda proprio non ha bisogno, non è certo in stato di crisi! – saremo gli unici (insieme a chi sta per essere assunto ) a non avere nemmeno tre scatti biennali. Ce ne toccheranno due biennali e uno praticamente triennale, di due anni e 9 mesi.

Ora basta. Chiediamo con forza all’Usigrai di sostenere le nostre ragioni presso l’azienda, individuando una soluzione perequativa che non ci faccia pagare una palese, pesante ingiustizia.

Non chiediamo niente di più dei  tre scatti biennali riconosciuti, almeno formalmente, dal nuovo contratto a tutti i giornalisti Rai.

Chiediamo pertanto un incontro urgente con i vertici del sindacato per concordare la strategia da portare avanti.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × tre =