INPGI: SI’ AL NUOVO DIRETTORE GENERALE MA NON CONTESTUALMENTE A UN VICE NON NECESSARIO

Documento di Puntoeacapo e Senza Bavaglio

Il Consiglio di Amministrazione dell’INPGI nella riunione di oggi, 18 giugno 2009, ha affrontato la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con il direttore generale. E tutti i consiglieri di amministrazione hanno espresso attestazioni di stima nei confronti del direttore generale uscente, avvocato Arsenio Tortora, e apprezzamento per il lavoro svolto a favore dell’Istituto.

Si è passati poi alla discussione, a porte chiuse, sulla delibera proposta dal presidente, Andrea Camporese, che prevedeva la nomina congiunta del nuovo direttore generale nella persona del dottor Tommaso Costantini e di un vicedirettore vicario, nella persona della dottoressa Maria Iorio.  La scelta di nominare anche un vicedirettore è stata motivata dalle esigenze dell’Istituto. Esigenze mai avvertite negli ultimi dodici anni.

Prima di  procedere al voto su questa delibera, la consigliera Silvana Mazzocchi (Puntoeacapo) e la consigliera Simona Fossati (Senza Bavaglio), hanno espresso il pieno consenso alla nomina di Tommaso Costantini a direttore generale, ma hanno chiesto di procedere prioritariamente alla scissione della delibera, per poter votare distintamente sulle due nomine.

Le consigliere Fossati e Mazzocchi  hanno motivato la loro richiesta con la necessità di condividere pienamente la possibilità di nominare un vicedirettore, successivamente e nell’ambito della preannunciata ristrutturazione organizzativa dell’Ente, ancora da realizzare.

Mazzocchi e Fossati hanno tenuto a precisare che le loro perplessità  si basano sulla valutazione che la nomina immediata di un vicedirettore non sia necessaria, bensì procrastinabile. E che, soprattutto, non c’è, su questo punto, la necessaria condivisione.  E che, ovviamente, la contrarietà non coinvolge in alcun modo la persona prescelta, ovvero la dottoressa Iorio alla quale manifestano la loro stima.

Inoltre va tenuto conto che la nomina di un vicedirettore sarebbe potuta agevolmente avvenire in seguito e dunque, come auspicabile, in armonia con la prevista  riorganizzazione dell’Ente e senza consumare uno strappo sindacale che potrebbe nuocere allo sviluppo del processo di riforma.

Da sottolineare, infatti, che questa mattina i consiglieri di amministrazione hanno potuto leggere pubblicamente affisse in bacheca due lettere firmate dai sindacati dell’Istituto CGIL e CISL, una indirizzata a tutto il personale dell’INPGI e una al presidente, in cui si esprime dissenso per la nomina di un vicedirettore, affermando tra l’altro che “l’iniziativa è ritenuta intempestiva e, potenzialmente, di ostacolo a ipotesi organizzative che riteniamo più confacenti all’interesse dell’Istituto e del personale”. Di fatto si chiedeva quindi di procedere a nominare ora il nuovo direttore generale, ma di procrastinare quella di un eventuale vice.

La rigidità dimostrata dalla presidenza e dalla maggioranza dei consiglieri di non volere né rinviare la decisione circa l’opportunità della nomina del vicedirettore, né  scindere la delibera relativa alle due nomine (in considerazione anche del fatto che lo Statuto dell’INPGI all’art. 19 le pone in due comma diversi, relegando la nomina di un eventuale vicedirettore a una “possibilità” e non a un “obbligo” da parte del Consiglio di Amministrazione) è risultata una forzatura inaccettabile.

Il “no” di Mazzocchi e Fossati, preannunciato in sede di dichiarazione di voto qualora non fosse stata scissa la delibera,  ha determinato la spaccatura del CdA su una questione tanto delicata e importante e le nomine sono passate con dieci voti a favore e due contrari.

Silvana Mazzocchi –  CdA INPGI 1

(Puntoeacapo)

Simona Fossati –  CdA INPGI in rappresentanza Gestione Separata

(Senza Bavaglio)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove + 10 =