LA PADANIA VUOLE LICENZIARE TUTTI I CASSINTEGRATI

Riceviamo da un testimone diretto e pubblichiamo questo articolo sulla situazione del quotidiano leghista “La Padania” 

Domenica 14 settembre a Venezia ci sarà la solita kermesse di mezza stagione della Lega Nord. Cerimonie, ampolle, grandi discorsi e anche molto pupulismo a buon mercato sul lavoro e sui lavoratori del Nord che soffrono la cassa integrazione.

Quest’anno però il comizio di Umberto Bossi rischia di venire rovinato dai giornalisti cassintegrati de La Padania, tutti in procinto di essere licenziati giusto tre giorni dopo l’evento. E questo  dopo avere subito due anni di cassa integrazione senza rotazione ed essere stati scelti accuratamente, dentro il corpo redazionale, tra quelli più invisi al partito. Una situazione incresciosa di cui la Fnsi si è occupata solo con la mano sinistra e senza la consueta pletora di comunicati che accompagnano ogni starnuto  tra proprietà e dipendenti quando ci sono di mezzo i quotidiani di sinistra o le grandi testate.

Con il paradosso che è stato invece un sindacato di polizia, il “Coisp”, ad accorgersi di loro e a  testimoniare solidarietà attraverso una lettera aperta del segretario Franco Maccari. In essa tra l’altro si legge che “nei percorsi comuni si condividono “gioie e dolori”, e questa vicenda di”cassintegrazione” del quotidiano La Padania organo della Lega Nord, è la storia esemplare di come un partito politico ed un organo dello stesso, trattino i propri dipendenti.”
”Questo quotidiano politico che prende milioni di euro l’anno dallo Stato -scrive Maccari – rispecchia il comportamento della Lega Nord, partito di governo che a parole si schiera dalla parte dei lavoratori, ma poi nei fatti cerca di sbarazzarsi dei 14 giornalisti e 9 poligrafici (su 38 giornalisti e 20 poligrafici) mettendoli in cassa integrazione a zero ore per due anni e senza rotazione.”

Poi Maccari sottolinea anche un altro parallelo con le forze dell’ordine: ”Non possiamo che denunciare questo stato di cose, questa evidente ingiustizia, che da Sindacato dei poliziotti, riconosciamo, per analogia, nelle promesse e fumose dichiarazioni che questo Governo continua a non mantenere da un lato, ed a sbandierare come “soluzioni” contro i crimini, certe e definitive dall’altro.”

Giorni prima ai 14 cassintegrati, (che  sono diventati 10 perché tre hanno trovato lavoro altrove e uno è stato parzialmente reintegrato), era stata comunicata informalmente una sorta di proposta indecente che l’azienda a sua volta aveva  fatto conoscere al Cdr: “dobbiamo mandarvi via tutti, ma se vi dimettete voi, vi paghiamo subito il tfr, altrimenti dovrete aspettare la fine del periodo di mobilità”. Una cosa che non stava né in cielo né in terra, come ha poi fatto sapere il segretario della Lombarda, Giovanni Negri, che, incontrando il Cdr, aveva praticamente detto a tutti gli interessati di non cadere nella trappola. Ricordando anche ai cassintegrati il loro diritto ad avere sia il tfr sia la fissa entro 8 giorni dalla notifica della messa in mobilità.

Ora il 15 settembre, subito dopo il discorso di Bossi sulla cassa integrazione per i lavoratori padani, si deciderà anche la sorte dei cassintegrati de La Padania. I problemi politici che questa vicenda sta portando non fanno escludere qualche colpo di scena.

Ma la vicenda insegna un’altra cosa, a parte quella di non fidarsi mai del datore di lavoro: il sindacato unitario dei giornalisti, la Fnsi,  oltre a  preoccuparsi di fare politica e di promuovere manifestazioni per la libertà di stampa, sempre e solo contro Berlusconi, ogni tanto dovrebbe occuparsi anche di cose pratiche. Come mandare quei comunicati di solidarietà ai giornalisti di un giornale in crisi, anche se non di sinistra come  La Padania, che finora sono venuti solo da un sindacato della Polizia di stato. Altrimenti, se si crea il precedente che alcuni lavoratori del settore editoriale in crisi per avere questa solidarietà devono chiamare il sindacato di polizia, tanto varrà istituire una sezione apposita del 113.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sette + 2 =