PREPENSIONAMENTI, NESSUN CONTRIBUTO SARA’ CHIESTO AI GIORNALISTI RADIO-TELEVISIVI

di Pierluigi Franz * 

Nei giorni scorsi nel tam tam via internet sui prepensionamenti INPGI è rimbalzata anche una notizia inesatta che sta creando un’inutile confusione.

Si è infatti scritto che “non solo i giornalisti contrattualizzati “aiuteranno” economicamente gli Editori a disfarsi di centinaia di colleghi, ma al danno si aggiunge la beffa: pochi sembrano essersi accorti che, a contribuire, sono chiamati anche i giornalisti del settore radio-televisivo, Rai, Mediaset, La7, eccetera, che non possono essere pre-pensionati. Una scelta, oltre che ingiusta, anche illegale”.

Non risulta che l’INPGI abbia mai richiesto alle aziende del settore radiotelevisivo, né ai giornalisti da queste dipendenti, il nuovo contributo dello 0,60% (0,50% a carico delle imprese e 0,10% a carico dei colleghi) per la Cassa Integrazione. Una simile richiesta sarebbe infatti illegale in quanto l’intero settore radiotelevisivo è per legge escluso dalla cassa integrazione e nessun collega potrebbe quindi beneficiarne.

* Sindaco Inpgi

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciotto + sette =