SPECIALE CASAGIT: MANOVRA SALVA-CASSA, LA PAROLA PASSA AI COLLEGHI. A GENNAIO LE DECISIONI DEL CDA

di Corrado Chiominto

Consigliere di amministrazione Casagit, esponente di Puntoeacapo

Il Cda ha messo a punto le linee della manovra che serviranno a rimettere a posto, almeno per tre anni, i conti della Casagit. La ‘’manovrà’, che non è una bazzecola ma un intervento da 2,8 milioni di euro, lavora di cesello su molte voci del tariffario e della contribuzione.

I molti interventi sono stati discussi a lungo e applicati in modo mirato, con l’obiettivo principale di frenare tendenze negative e rischio di speculazioni da parte delle strutture sanitarie a cui si rivolgono i colleghi. Nel complesso si tratta di un intervento equilibrato. Ma certo saranno necessari ancora ritocchi, migliorie: ad esempio va aumentato ancora il prelievo sui colleghi “super-ricchi” (che però già pagherebbero di più), così da alleviare un intervento al quale io sono decisamente contrario, cioè la revisione al 25% dello sconto dei contributi, ora previsto al 50%, per i coniugi giornalisti.

Lo spazio per le modifiche non è ampio, ma c’è ancora: l’intervento che ho proposto, ad esempio, si compenserebbe a livello economico mantenendo per la Casagit gli stessi effetti. Prima di essere varata la manovra sarà comunque al centro della valutazione di tutti i colleghi (e l’articolo di dettaglio  con le misure serve proprio a questo). Il presidente di Casagit, insieme a tutto il Cda, si è impegnato ad un tour tra le diverse consulte per raccogliere le indicazioni e le valutazioni dei colleghi attraverso assemblee aperte.

A fine gennaio, poi, si tireranno le somme, perchè solo quando le misure verranno adottate il bilancio inizierà ad avere qualche respiro di sollievo. Poi bisognerà iniziare a delineare la Casagit del futuro, non solo con una rimodulazione del tariffario, ma che guardi anche a come sta cambiando la platea dei giornalisti, sempre meno contrattualizzati (come rileva l’intervento di Pacifici). A questo servirà anche lo studio attuariale che Casagit ha già deciso.

Ma la sfida del futuro passa anche attraverso ai servizi che si riuscirà a dare a colleghi con sempre meno tempo. A Roma il fiduciario Mario Antolini e i colleghi della consulta (leggere l’intervento di Antolini) garantiranno uno sportello aperto per risolvere problemi grandi e piccoli, che talvolta sembrano insormontabili.

Ma già il metodo di lavoro scelto per la messa a punto della manovra è il segnale di un cambiamento radicale del modo di operare del Cda, aiutato da un impegno straordinario di tutta la struttura della Casagit. Il fatto che il Consiglio di Amministrazione non sia più legato ad una sola componente sindacale aumenta il confronto e porta frutti. Apre le finestre di una casa comune, facendo circolare idee. Avere opinioni diverse, anche contrastanti, su alcuni aspetti è fondamentale, se il confronto è franco.

Su un punto mi sembra che già la “nuova” gestione di Casagit è coesa: la necessità di intervenire non solo per garantire le prestazioni ma per tornare a rimpolpare il nostro fondo di garanzia assottigliato fino a 8,7 milioni di euro. C’è anche l’obiettivo di ripulire la cassa da furbizie: sono cosi state denunciate per appropriazione indebita due società editoriali che trattenevano i contributi nelle buste paga dei colleghi ma poi non li versavano alla Casagit. Un accordo con l’Inpgi aiuterà la cassa anche ad individuare con prontezza gli editori che smettono di pagare i contributi.  Abbiamo poi messo fuori dalla Casagit un socio che aveva falsificato alcune fatture, per aumentare i rimborso.

L’impegno per una Casagit trasparente passa attraverso anche l’impegno della nuova  direzione – e degli uffici – a “ripulire” il bilancio da crediti del passato ha portato qualche frutto. Quest’anno i conti chiuderanno, ma solo per alcune entrate straordinarie dovute appunto al recupero di questi crediti, con un risultato positivo di 1,6 milioni di euro. Ma senza interventi già nel 2010 si tornerebbe ad una Casagit in rosso per 555.000 euro. La manovra, invece, metterà i conti al riparo per un triennio.

Ecco allora la necessità dell’intervento che potrete leggere nel dettaglio in uno degli articoli che pubblichiamo e che non è fatto solo di tagli. Gli occhiali per i soci giornalisti verranno nuovamente rimborsati ogni 2 anni (da febbraio, ricordando che per i minorenni il rimborso è sempre annuale). Sarà studiata la possibilità di estendere i rimborsi spese per i viaggi dei colleghi che si rivolgono a strutture pubbliche lontane dalla loro città, ma senza costi per noi.

 

Tra le modifiche che hanno maggiore impatto c’è l’ arrivo di “rimborsi a pacchetto” per alcuni tipi di interventi semplici, dalle tonsille alla cataratta. Il pagamento sarà a tariffario  anche nelle cliniche convenzionate e i colleghi dovranno chiedere il costo, perchè sarà a loro carico l’importo aggiuntivo. Questo varrà anche per i parti cesarei: il tariffario prevedeva un rimborso attorno ai 5.600 euro, ma nelle cliniche convenzionate la Casagit arrivava a sborsare anche 9.500 euro, con uno squilibrio inaccettabile. È stato deciso che saranno rimborsati “a pacchetto” 6.000 euro. I colleghi del Lazio, poi, dovranno fare attenzione al balzello del 10% introdotto per gli interventi in intramoenia dal commissario straordinario: rimarrà a carico dei colleghi anche in caso di interventi in convenzione.

Importante è l’intervento sulla fisioterapia, elaborato con l’aiuto di un medico specialistico: arriva un rimborso a “seduta” che, per il numero di sedute, sarà legato al tipo di patologia: cronica, acuta e funzionale. I rimborsi saranno così calibrati con attenzione, in base ad un modulo che dovrà essere compilato dal proprio medico.

Sui denti la proposta contenuta in manovra è già frutto di una mediazione. Il tariffario è troppo basso e tutti in Cda sono convinti che dovranno essere ritoccate al rialzo al più presto alcune voci (ne sono già state identificate 4). Ma per ora bisogna mettere in salvo i conti della Cassa, sui quali pesa per 1 milione la spesa per ablazione e courrettage che – vista la cifra – sembrerebbe utilizzato anche come escamotage per rimpinguare il rimborso. Ma ablazione e courrettage sono due interventi di prevenzione, che fanno risparmiare per il futuro. Invece di togliere la voce, come era accaduto in passato, è stato così mantenuto solo un contributo. È stato poi deciso di portare da 2 a 5 anni il termine minimo per il rifacimento di protesi: i nuovi materiali consentono questa scelta, che è la stessa adottata da tutte le altre casse integrative.

Al fianco di limature per l’aiuto agli ammalati di Alzheimer (con allineamento del contributo al costo di una badante, cioè a 40 euro al giorno), alla cancellazione del rimborso per il soggiorno per cure termali (18 euro al giorno per 15 giorni) e al ritocco sul numero di visite omeopatiche annuali (saranno al massimo 8) si mette in campo anche l’idea di rimborsare in modo più sistematico – oggi avviene solo in casi sporadici attraverso la Commissione permanente –  le spese di viaggio di coloro che si ricoverano in strutture pubbliche (senza gravare sulla Casagit) lontane dalla propria città.

Sui contributi il Cda ha già provveduto al meccanismo di adeguamento annuale (in base al costo medio delle spese sostenute) e deciso che il contributo sui familiari (quello che era stato definito “straordinario” ma che invece era già approvato in modo strutturale) dovrà essere richiesto evitando ai colleghi di pagare i bollettini singolarmente, facendo la fila alle Poste. Dal prossimo anno sarà possibile pagarlo con il Rid, cioè dando disposizione di pagamento alla propria banca come si fa con le bollette del telefono o della luce. Al momento è impossibile sostituire un intervento che frutta circa 2 milioni di euro e contribuisce al riequilibrio dei conti, anche perchè – dalle analisi effettuate – i soci aggregati come familiari hanno contribuito nel 2008 per l’8% (con il contributo la quota è salita al 10,5%) mentre ricevano in prestazioni il 36% del totale.

A fronte del pagamento, però, sarà possibile – già dalla prossima dichiarazione dei redditi – scontare dall’Irpef l’intero importo delle spese sostenute per i familiari a carico, anche se rimborsate. Il vero nodo è quando il balzello del contributo straordinario si somma già alle altre contribuzioni richieste per i familiari: ad esempio quando nello stesso nucleo familiare vi sono anche i genitori anziani o un figlio sopra i 26 anni. In questo caso è stato deciso che il contributo più alto, quello cioè pagato per i genitori o i figli ultra-26 anni, sarà scontato del 10%: in pratica verrà rimborsato il cosiddetto “contributo straordinario” ma rimarrà la possibilità di scontare dal fisco le spese mediche sostenute, anche se rimborsate.

Per realizzare la ‘’nuova Casagit’’ servirà ora anche impegno in futuro. Nel quale sia io e l’intero gruppo di Puntoeacapo saremo sempre pronti ad ascoltare suggerimenti e a ricevere pungoli per portare nuove idee e miglioramenti.                                                                     

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + diciotto =