ANSA, UN GRUPPO DI 35 PREPENSIONABILI: ALLE INGIUSTIZIE CI OPPORREMO OVUNQUE

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata da 35 giornalisti prepensionabili dell’Ansa ai vertici della Fnsi, dell’Associazione Stampa Romana e al Cdr dell’agenzia.

PREMESSA

I giornalisti dell’Ansa inclusi nella lista dei 55 colleghi destinati al prepensionamento in una lettera inviata alla Federazione nazionale della stampa e alla Stampa romana il 3 dicembre scorso hanno espresso “profonda insoddisfazione” per i contenuti del piano approvato a maggioranza con un referendum.
Hanno denunciato il criterio PURAMENTE ANAGRAFICO con cui sono stati scelti i colleghi in esubero, hanno stigmatizzato la scelta di dividere la lista dei 55 in due parti con evidente ed ingiustificata discriminazione tra i primi 40 destinati a sicuro prepensionamento e i successivi 15 che potrebbero essere ‘’salvatì’ da esodi volontari e hanno messo in evidenza l’esiguità degli incentivi. In quella lettera si chiedeva perciò alla Fnsi  di modificare in sede Fieg il piano anche in considerazione di un’ accelerazione dei tempi della trattativa assolutamente ingiustificata.

I PROVVEDIMENTI DELLA VIGILIA DI NATALE

Alla vigilia di Natale e a pochi giorni dall’apertura del tavolo FIEG chiamato a valutare il piano di crisi aziendale da presentare al Ministero del Lavoro, l’Ansa  ha varato due provvedimenti che prevedono una trentina di avanzamenti e promozioni, che fra l’altro riguardano fiduciari di redazione e componenti del CdR impegnati nella trattativa, e l’assunzione di un giornalista destinato a coprire il ruolo di vice capo della redazione politica. Una bella infornata, come non si ricordava da molti anni: dai tempi delle vacche grasse. Questi provvedimenti – varati con due  ordini di servizio del direttore datati 23 dicembre 2009 – prefigurano una vasta ristrutturazione redazionale con modalità che smentiscono nei fatti le asserite difficoltà economiche dell’agenzia. 
 
Non intendiamo discutere i meriti individuali dei beneficiati, né mettiamo in dubbio il potere del direttore di procedere a promozioni e avanzamenti. Diciamo semplicemente che un intervento di questo genere è incomprensibile. In termini di spesa, per quanto sia difficilmente quantificabile con esattezza, peserà sul bilancio dell’Ansa certamente oltre tre milioni di euro in due anni. Una spesa incompatibile con la crisi aziendale fino a ieri prospettata alle organizzazioni sindacali dagli amministratori dell’Ansa, che hanno descritto una situazione di pesanti ristrettezze economiche destinata ad aggravarsi; una situazione alla quale si intende rispondere con il piano di crisi che prevede un drastico taglio della redazione, superiore al 20% dell’organico, da realizzarsi con il prepensionamento NON CONSENSUALE di 55 giornalisti nel 2010-2011. 
 
All’Ansa le assunzioni erano state bloccate a febbraio del 2007, in concomitanza con un piano di prepensionamenti volontari che ha portato all’uscita incentivata di 34 giornalisti . Dai primi di agosto – quando l’azienda ha comunicato al cdr l’intenzione di procedere alla riorganizzazione – al 23 dicembre scorso sono stati assunti altri 4 colleghi precari, la cui posizione avrebbe dovuto essere regolarizzata in base a precedenti intese.
   
È difficile sostenere che in mancanza di questa assunzione esterna, per un incarico di medio livello, certamente non classificabile come apicale, o di una così lunga catena di promozioni e di riconoscimenti sarebbe rimasto qualche buco nell’organigramma o nella produttività dell’agenzia, poiché l’azienda, proprio fra i prepensionandi, ha a disposizione alte professionalità a ogni livello di competenza. Lo diciamo anche rispetto ad altre assunzioni che seguiranno a breve scadenza, secondo impegni prospettati dai nostri rappresentanti sindacali  e pubblicamente dal direttore.
Denunciamo questo modo di procedere e ci opporremo in ogni sede a questa e altre ingiustizie, anche attraverso le vie legali. 
 
Nell’immediato, riteniamo che il comportamento dell’Ansa abbia un’ immediata ricaduta sulla trattativa in corso per l’approvazione del piano di crisi aziendale. Si prenda atto che gli ordini di servizio del 23 dicembre 2009 rendono impossibile la prosecuzione dell’iter per lo stato di crisi iniziato il 5 agosto scorso, sfociato nel verbale di accordo firmato dal Cdr il 5 novembre e successivamente approvato a maggioranza con voto referendario. Di fronte a una nuova situazione è inevitabile ridiscutere i presupposti e i contenuti dell’ accordo. Le ultime scelte aziendali rivelano una situazione economica dell’azienda diversa, più florida di quella prospettata al momento del referendum. Chiediamo pertanto alla FNSI e all’Associazione della Stampa Romana di non sedersi al tavolo con la FIEG finché l’Ansa non avrà fornito i dovuti, circostanziati chiarimenti e apportato i necessari correttivi e il nuovo quadro non sarà stato vagliato dall’assemblea dei giornalisti. 
 
Consideriamo incomprensibile il comportamento  del Cdr e lo invidiamo a tenere nel debito conto le nostre osservazioni  e a fornire documentate risposte in assemblea. Siamo molto preoccupati  per il danno materiale che procedure così disinvolte possono avere sul nostro futuro occupazionale e sull’ammontare delle nostre pensioni. Siamo ancor più preoccupati per il futuro della prima agenzia nazionale, e per i danni che una rottura della solidarietà collettiva a fronte di una così palese violazione delle regole può avere sul destino dell’Ansa. Siamo preoccupati per i danni che un atteggiamento sindacale  acquiescente, di basso profilo, assolutamente ingiustificate nella situazione in cui ci troviamo, può avere sul sindacato dei giornalisti, sulla sua possibilità di incidere in futuro sulla vita aziendale, sulla credibilità della sua insostituibile funzione di difensore disinteressato di tutti i giornalisti e di garante dei diritti dei più deboli; in altre parole, il custode della solidarietà collettiva.

Roberto Maggi a nome di 35 giornalisti dell’Ansa prepensionabili

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sette − 3 =