CASAGIT, APPROVATA LA MANOVRA. CONTI A POSTO PER 3 ANNI, ORA IL VIA ALLE NUOVE SFIDE

di Corrado Chiominto *

I conti di Casagit sono stati messi in salvo per i prossimi tre anni: il Consiglio di Amministrazione, in un tour de force che ha visto tutti i livelli di rappresentanza mobilitati in un confronto aperto, ha approvato la manovra correttiva. Non è però l’unica decisione presa: accogliendo le indicazioni dei colleghi è stata scelta una diversa scansione per le richieste dei rimborsi. Ora potranno essere presentate entro il trimestre successivo a quello della spesa (le ricevute di gennaio-marzo entro giugno, quelle di aprile-giugno entro settembre, e così via).

LA MANOVRA. Alla manovra il Cda lavorava oramai da sei mesi. Non è una stangata, ma nemmeno una bazzecola. Vale 2,7 milioni di euro, raggranellati intervenendo su molte voci del tariffario e su alcune voci contributive, ad esempio aumentando il prelievo sui colleghi più ricchi, che viaggiano con reddito oltre i 330.000 euro. Ora, nonostante le ricadute che gli stati di crisi dell’editoria rischiano di avere sul bilancio con l’effetto “rottamazione” di molti colleghi che nei prossimi mesi verranno prepensionati, la cassa dovrebbe riuscire a chiudere con bilanci in attivo per almeno tre anni, rimpolpando il fondo di garanzia che i deficit degli ultimi anni avevano ridotto al lumicino. Ci sarà così il tempo per affrontare nuove sfide e tracciare con maggiore attenzione il futuro della Casagit, basandosi anche sulle tendenze demografiche che vedono due decise tendenze: l’invecchiamento degli iscritti e la precarizzazione sempre più decisa dei giovani. Saranno proprio i precari e gli anziani i  due temi-sfida da affrontare in futuro. La Casagit dovrà dare loro le risposte che richiedono ma anche fare attenzione ad evitare un conflitto generazionale che, anche l’ondata di prepensionamenti, sta rendendo sempre più evidente (e non voglio tornare sul capitolo contratto che a me sembra alla base di tutto, più della crisi).

IL CONFRONTO PORTA MODIFICHE. Le decisioni sono state prese spingendo al massimo il pedale del confronto. Si è partiti dal lavoro di due commissioni specifiche integrate con i rappresentanti delle diverse regioni. Sono stati coinvolti ed ascoltati i fiduciari territoriali. Il dibattito in assemblea ha richiamato i delegati nazionali. La bozza di manovra è stata quindi illustrata – prima del varo, per ascoltare e raccogliere suggerimenti – anche ai colleghi in tutte le regioni. Sono così state recepite alcune indicazioni emerse nelle diverse consulte, anche in quella romana. Tre esempi: non verrà ridotto lo sconto per i coniugi giornalisti che hanno un contratto di solidarietà (la richiesta è stata avanzata a Roma da un collega de La7); la reintroduzione del rimborso biennale degli occhiali da vista per i titolari non è limitata ai soli giornalisti (escludendo così i lavoratori dei nostri istituti di categoria che sarebbero diventati soci di serie B); l’allungamento da 2 a 5 anni del periodo per il rifacimento di una protesi non varrà per i colleghi con più di 70 anni con alcune patologie che rendono gli impianti meno solidi.

LE RAGIONI DEL MIO VOTO.  Il dado della manovra è tratto, anche se non ho nascosto – nemmeno in Cda dove ho portato i miei argomenti fino all’ultimo – alcune mie perplessità su un paio di punti, che avrei preferito riequilibrare tra di loro: l’ho già scritto e lo ripeto, avrei preferito alleggerire la manovra sui coniugi giornalisti compensando l’impatto con un aggravio per i colleghi “ricchi” (che comunque pagheranno di più). Il mio voto favorevole è però legato all’impatto complessivo degli interventi e alla priorità che ho dato al risanamento dei conti. Questo richiede decisioni compatte, per consentire di salvaguardare la Casagit che io ritengo essere uno strumento di garanzia importante per i giornalisti.

IL FUTURO. I conti sono al sicuro per qualche anno. Ma il lavoro non è finito, anzi comincia adesso. Sarà necessario affrontare le nuove sfide che sono sul tappeto, non solo quelle del cambio generazionale della popolazione Casagit, ma anche quelle che serviranno a dare servizi adeguati ai colleghi, far circolare maggiori informazioni, introdurre maggiore equità. I temi sono tantissimi, difficili da sintetizzare: si va da una ridefinizione degli scaglioni di reddito per i soci volontari che ora equiparano colleghi con 15.000 euro e con 70.000 euro di reddito (intervento che metterei sotto la voce equità) alla necessità di adeguare il tariffario per i dentisti (che è una risposta ineludibile alle esigenze dei colleghi), fino a ipotizzare nuovi strumenti di welfare, che guardino ai giovani precari, alle coppie con figli e anche alle esigenze dei colleghi anziani. Servizi in comune potranno essere studiati con l’Inpgi (c’è ad esempio la proposta – sulla quale sono pienamente d’accordo – di affidargli la riscossione dei contributi della Cassa per evitare che imprese editoriali maldestre frodino tutti e due gli istituti). Ma nuove idee potranno essere gestite autonomamente, con un po’ di fantasia, ad esempio sfruttando la forza contrattuale della Casagit per spuntare tariffe assicurative sanitarie migliori in favore di chi ha in casa un piccolo animale domestico da compagnia.

* Consigliere di amministrazione della Casagit, esponente di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 + 11 =