INTERCETTAZIONI, AUTONOMIA PROFESSIONALE, FINANZIAMENTI, GARANZIE GIURIDICHE: QUATTRO EMERGENZE

“Si moltiplicano i segnali di restringimento degli spazi di libertà e autonomia dell’informazione, così come procede spedita l’azione del governo per scardinare l’impianto delle garanzie giuridiche del lavoro dipendente. Fenomeni che rischiano di vanificare l’azione del sindacato dei giornalisti, mettendone in pericolo l’esistenza stessa”. Ad affermarlo sono Paolo Butturini e Fabio Morabito, rispettivamente segretario e presidente dell’Associazione stampa romana.

“Il disegno di legge 1167-B, che sta per esser licenziato dal Senato, cancella in un colpo solo anni di conquiste sindacali – spiegano Butturini e Morabito – Le norme, che fanno riferimento alla modifica delle ‘procedure sulle controversie di lavoro’, destrutturano in realtà l’impianto dei diritti, consegnando i dipendenti all’arbitrio del mercato a cominciare dall’area del precariato che vede cancellate tutte le tutele degli ultimi anni, vanificando così i percorsi di stabilizzazione faticosamente costruiti sia nella normativa che nei contratti di categoria. L’uso disinvolto dell’arbitrato, il cui giudizio non deve più svolgersi secondo legge ma in base a una fumosa equità, l’esaltazione del potere delle commissioni di certificazione, tolgono ai lavoratori la facoltà di ottenere giustizia per via ordinaria, depotenziando lo scudo protettivo dei contratti e minando l’essenza stessa del sindacato”.

E ancora: “il caso delle contestazioni subite all’Aquila dalla collega Maria Luisa Busi del Tg1, alla quale va tutta la nostra solidarietà, segnalano come si sia approfondito enormemente il solco fra la gestione della linea politica messa in atto da alcuni direttori e l’autonomia dei singoli redattori. E’ arrivato il momento di far rispettare integralmente l’articolo 6 del contratto, ricordando che lo stesso afferma che le facoltà del direttore devono ‘non risultare in contrasto con le norme sull’ordinamento della professione giornalistica e con quanto stabilito dal contratto”. 

“Alla luce dello scandalo che sta coinvolgendo i vertici della Protezione civile – continuano segretario e presidente dell’Asr – è tornato d’attualità, guarda caso, il disegno di legge che limita l’uso delle intercettazioni e cancella di fatto il diritto di cronaca. Voci insistenti parlano di una sua riproposizione, nella forma più restrittiva e blindata dal voto di fiducia, addirittura prima delle elezioni regionali. Ribadiamo la nostra ferma opposizione a norme che limitano la libertà di informazione e il diritto dei cittadini a essere correttamente informati. La cancellazione del diritto soggettivo e la riduzione progressiva del finanziamento pubblico per i giornali di idee e in cooperativa rischia di pesare ulteriormente su un settore, quello dell’editoria, già alle prese con una crisi spaventosa. Riteniamo inaccettabile sia il metodo che il merito. In particolare è da respingere il tentativo di avocare al ministero dell’Economia la selezione delle tesate da finanziare o meno con il denaro dei contribuenti. Si acceleri piuttosto il varo del nuovo regolamento, correggendone le storture, dando così avvio a quell’operazione di pulizia e trasparenza che il sindacato ha invocato da tempo”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 + tredici =