CONGRESSO USIGRAI, DAL 22 AL 24 SI VOTA PER I DELEGATI. SOSTIENI PUNTOEACAPO

Da lunedì 22 a mercoledì 24 marzo in tutte le redazioni Rai si eleggono i delegati per il congresso dell’Usigrai che si terrà a Salsomaggiore dal 13 al 17 aprile. Per la prima volta dalla fondazione del sindacato dei giornalisti Rai i delegati al congresso saranno eletti non solo in rappresentanza delle singole redazioni ma anche su collegio unico nazionale con la presentazione di liste contrapposte. I colleghi di Puntoecapo Rai aderiscono alla lista unitaria “Rai, libertà di informare” esprimendo quattro candidature: Alessandro Gaeta (Tg1), Claudio Callini (Tg1), Gabriella Lepre (Radio Rai), Giorgio Pacifici (Rai Internazionale). Ecco i particolari sul voto e il programma elettorale della lista unitaria.

IL 22-24 MARZO VOTA LA LISTA
Rai, Libertà di informare

Dieci punti per l’USIGRAI del futuro

La lista “Rai, libertà di informare” nasce da uno sforzo di unità tra giornaliste e giornalisti di diversa formazione e provenienza, per fronteggiare la crisi della Rai, i profondi mutamenti della professione e le nuove esigenze del sindacato

LISTA NAZIONALE

I NOSTRI CANDIDATI
 
 
1. Maurizio Blasi Ancona
2. Valeria Ferrante TG 3
3. Alessandro Gaeta TG 1
4. Umberto Avallone Potenza
5. Laura Berti  TG 2
6. Gianfranco Botta TG 3
7. Claudio Callini TG 1
8. Gigi Cavone  Rai Sport
9. Ezio Cerasi  RaiNews24
10. Franco Cignini TG 1
11. Marco Civoli  RaiSport Milano
12. Flavia Corda  Cagliari
13. Daniela de Robert TG2
14. Ettore de Lorenzo Napoli
15. Alma Grandin  Giornale Radio
16. Gabriella Lepre Giornale Radio
17. Simonetta Martellini Bologna
18. Fabrizio Masciangioli Pescara
19. Gabriele Mastellarini Pescara
20. Gian Mario Nucci Giornale Radio
21. Renato Orso  Trieste
22. Giorgio Pacifici   Rai Internazionale
23. Emanuela Pericu Genova
24. Nello Rega  Televideo
25. Stefano Righi Riva Milano
26. Simona Sala  TG 1
27. Donatella Smoljko Giornale Radio
28. Walter Skerk             Trieste
29. Stefano Tallia  Torino
30. Damiano Ventrelli Bari
 

Si vota nei giorni lunedì 22, martedì 23, mercoledì 24 marzo nella propria testata

 

Due schede
Ogni elettore avrà due schede: una per eleggere i congressisti dalle liste nazionali,  l’altra per eleggere i congressisti provenienti dalla propria testata

Massimo Sette Preferenze
Nella lista nazionale è possibile dare un massimo di sette preferenze  

Preferenze in una sola lista
Non si possono dare preferenze a nomi presenti in liste diverse, pena l’annullamento.

Segretezza del voto
Lo scrutinio dei voti per le liste nazionali avverrà centralmente.
Questo garantisce la massima della segretezza del voto. 

Delega
Chi non può votare può delegare un collega. Ogni collega può avere massimo una delega
  

UNA SINTESI DEL NOSTRO PROGRAMMA 

POLITICA
1. La politica spinge la Rai verso il declino: mancano norme antitrust, interventi efficaci contro l’evasione del canone, soluzioni al conflitto di interessi. Il servizio pubblico viene penalizzato finanziariamente, nell’acquisizione dei diritti sportivi e cinematografici, nella produzione di fiction,  nella tecnologia, per la competizione sleale con i concorrenti privati. I giornalisti Rai devono essere liberati  dai condizionamenti politici di ogni colore. La governance Rai deve diventare questione di rilievo costituzionale.

LEADERSHIP E DIRITTI
2.  La Rai è l’industria culturale più grande del Paese. Per tutte le professionalità e le idee del “laboratorio Rai” c’è bisogno di maggiore autonomia, innovazione, merito, formazione, valorizzazione delle risorse interne. No alle collaborazioni e alle esternalizzazioni milionarie che penalizzano i dipendenti e svuotano le casse. Occorre una Rai che sappia essere più Servizio Pubblico, con selezioni e curriculum. Alle colleghe devono essere date pari opportunità di carriera, tutelando e non penalizzando la maternità, valorizzando il punto di vista femminile. Ai colleghi a t.d. parità di trattamento economico a parità di mansioni.

INFORMAZIONE
3. L’autonomia dei giornalisti e il diritto di cronaca vanno difesi da qualunque ingerenza esterna di soggetti economici o politici. No anche alle nuove norme restrittive su temi sensibili (come le  intercettazioni), no al blocco dei talk-show in campagna elettorale.

CNLG RAI
4. Il contratto giornalistico firmato nel 2009 deve essere l’ultimo dei contratti scritti per la carta stampata e poi “estesi” alla Rai. I prossimi dovranno rispondere allo specifico radio-televisivo.

PLURALISMO
5. Essere pluralisti oltre che un dovere, conviene: agli ascolti, al diritto-dovere di informare, alla credibilità del servizio pubblico. Le testate devono riappropriarsi del loro ruolo all’interno delle rispettive reti, e godere di maggiori dotazioni budgetarie. 

TERRITORIO
6. L’informazione regionale  è un pilastro della Rai,  una ricchezza di cui la concorrenza è priva, un legame con i cittadini. Un patrimonio da rafforzare con le risorse,  ma anche nel palinsesto e in piattaforme multimediali.

DIGITALE, WEB E ALL NEWS
7. La Rai dimostra potenzialità e ritardi. Ci batteremo per un progetto aziendale, pluriennale e globale, di sviluppo tecnologico competitivo e di una digitalizzazione complessiva, regolamentata e d’avanguardia.

LA RAI ALL’ESTERO
8. L’informazione per l’estero non può essere concepita solo come un obbligo di convenzione o come uno strumento per consolidare le entrate: la presenza italiana nel mondo ha bisogno di più Rai. Quindi occorre scommettere sulle testate dedicate all’estero, evitare il taglio agli uffici di corrispondenza nei vari continenti, valorizzare gli inviati.

LO SPORT
9. L’informazione sportiva chiede un’azienda solida economicamente per competere nei diritti sportivi, essere sui luoghi dell’evento per i commenti e le radio e telecronache. 

RADIO E TELEVISIONE 
10. La Radiofonia aspetta il rilancio e la dovuta attenzione dell’azienda, ma anche chiarezza sulle ipotesi di  “spacchettamento”. I nostri telecineoperatori danno un grande contributo alla qualità di tutte le testate. Anche nel recente contratto integrativo sono stati consolidati passi avanti importanti, condivisi con i colleghi. E’ un lavoro da continuare per completare la parificazione con tutti gli altri giornalisti, sia economica che di opportunità professionali.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 + due =