ORDINE: SI’, ERA POSSIBILE CAMBIARE. LE IDEE E I PROGRAMMI DELL'”ALTRA LISTA”

Ecco in sei punti le idee e il programma dell’Altra Lista.

Era possibile portare moralità nelle scuole di giornalismo, alcune delle quali continuavano ad operare in violazione di ogni accordo, propagandando l’esistenza di strutture che non avevano, attirando giovani ai quali rubavano importanti opportunità di formazione.

Era possibile farsi carico dei problemi legati ad un mercato che sta esplodendo, senza moltiplicare illusioni, ma rendendo tutti consapevoli delle difficoltà, così che – ad esempio – le scuole sono scese da 21 (e c’era chi propagandava il modello britannico dove ce n’erano 39) a 17 e gli allievi del biennio da 654 a 451.

Era possibile non limitarsi a parlare dell’assurdità degli esami professionali con la macchina per scrivere e chiedere al Parlamento di modificare la legge, consentendo l’uso del computer. Non è stato difficile: è bastato occuparsene senza limitarsi a parlarne come si è fatto per anni e anni.

Era possibile predisporre una proposta di riforma della legge dell’Ordine, sottoscritta da parlamentari di tutti i gruppi politici. Ne parlavano, tanto. Gli stessi che periodicamente con dichiarazioni surreali tentano di dettare al Parlamento i ritmi dell’esame, consapevoli in questo modo di creare difficoltà all’iter programmato.

Era possibile raccogliere elementi che consentissero di denunciare il vergognoso comportamento di editori che compensano con retribuzioni da fame il lavoro dei giovani e dei liberi profgessionisti, sottoposti al ricatto del “se non ti sta bene ne trovo altri”. Il problema era noto, ma nel dettaglio a metterlo a fuoco è stato l’attuale vertice dell’Ordine.

Era possibile creare opportunità di lavoro non regalando agli editori gli strumenti per rottamare circa 700 colleghi, rinunciando a risorse essenziali per garantire la qualità dell’informazione, e contemporaneamente aiutandoli ad incassare laute provvidenze. Sarebbe bastato un confronto che chi ha gestito la trattativa contrattuale ha sistematicamente negato, tentando di demonizzare quanti nell’Ordine si interrogavano sulle devastanti conseguenze. Sarebbe bastato, per ostacolare una logica mercantile, vincolare gli editori al mantenimento dei livelli occupazionali (cosa che su iniziativa dell’Ordine ha tentato di fare un gruppo di parlamentari). Invece chi doveva e poteva non ha fatto nulla per i giovani e i liberi professionisti. L’unica preoccupazione che ha è di occupare l’Ordine, cacciando quanti hanno imposto una concreta svolta morale.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due + 4 =