CONCORSO RAI, DOPO IL PRIMO RESPONSO DEL TAR: PUNTOEACAPO AVEVA RAGIONE, PARITA’ DI DIRITTI

Puntoeacapo aveva dunque ragione. Il primo responso proveniente dal Tar dimostra che le regole stabilite nell’accordo tra l’Usigrai e la Rai non garantiscono la par condicio tra candidati. I residenti nel Lazio sono discriminati rispetto agli altri. Bene dunque la strada del bando pubblico per selezionare i futuri dipendenti delle sedi regionali, ma senza discriminare nessuno.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × uno =