CASAGIT, CON IL POLIAMBULATORIO SI CAMBIA. ARRIVA L’OMBUDSMAN. PERCHE’ IL NO DI PUNTOEACAPO IN CDA

di Corrado Chiominto

Cda della Casagit, esponente di Puntoeacapo

Il Poliambulatorio di Roma della Casagit cambia gestione e la consulta romana ha chiesto, e ottenuto, di attivare un presidio di garanzia a tutela dei colleghi. Arriverà così da gennaio una sorta di ombudsman, una figura a metà tra il garante e il difensore civico, al quale i colleghi romani e non potranno rivolgersi per evidenziare un disservizio ma anche per avanzare proposte positive di miglioramento. I colleghi potranno poi avvalersi di una carta dei servizi che fisserà standard e criteri da seguire.

L’ arrivo del ‘’garante’’, proposto dal Fiduciario del Lazio Mario Antolini, ha visto l’adesione sia dei colleghi romani sia dei vertici della Cassa, e servirà ad accompagnare l’altra novità: il cambio di gestione. Il Poliambulatorio fino a dicembre rimarrà all’interno di Casagit, dopo passerà alla gestione esterna del Nomentana Hospital. Rimarrà sempre nei locali dell’Inpgi in piazza Apollodoro, ma sarà ampliato con l’arrivo di un reparto di fisioterapia (e forse – se la Usl darà l’autorizzazione – con un laboratorio per le analisi).

Una struttura importante. Il Poliambulatorio, nato cinque anni fa, è diventato una struttura di riferimento importante per i colleghi romani, e non solo. Nell’ultimo anno ha servito oltre 5.000 colleghi per un totale di quasi 12.000 visite. I costi, che inizialmente non erano in linea con le esigenze di ‘’contenimento’’ della Cassa, si sono poi via via assottigliati e gia’ da quest’anno una visita costa sensibilmente meno dell’importo che viene invece rimborsato a chi si rivolge ad uno specialista all’esterno.

Il progetto di outsourcing – approvato molto rapidamente dal Cda di Casagit, con il voto favorevole anche di colleghi di altre regioni che in passato avevano espresso la propria perplessità sulla struttura romana – potrebbe avere anche alcuni aspetti positivi, soprattutto se sara’ accompagnato da meccanismi di ‘’garanzia’’,  come quello dell’ombudsman, che ci consentano di controbilanciare i rischi insiti nell’assegnazione di questa importante struttura all’esterno. Proprio evidenziando i rischi di una operazione cosi’ importante, nel Cda che ha dato il via libera all’operazione ho espresso la mia contrarietà per una procedura un po’ troppo rapida e per la mancata consultazione preventiva dei colleghi eletti nella Consulta Romana. Avevo chiesto così il rinvio del voto finale di un mese, per avviare il necessario confronto e non far calare il progetto dall’alto. La riunione che si è tenuta con i colleghi romani, che hanno chiesto chiarimento ed espresso suggerimenti, ha comunque consentito di rafforzare le procedure di garanzia, gia’ in parte previste.

Le novità, le visite. Ma cosa’ cambierà?  Il ‘’Nomentana Hospital’’ prendera’ in carico dal primo gennaio 2011 la gestione delle prestazioni sanitarie. Il contratto vale per 4 anni e alla fine del primo anno e’ previsto un passaggio di verifica. Saranno ampliati i locali, ricontrattando l’affitto con l’Inpgi, per introdurre nuovi servizi. Non cambia il direttore sanitario (Pappalardo) e anche i medici rimarranno gli stessi: ogni cambiamento dovra’ invece essere concordato con la Casagit e, tra le richieste avanzate, c’e’ quello di coinvolgere in caso di arrivo di nuovi medici anche il Fiduciario e la Consulta. L’impatto piu’ forte potrebbe invece esserci sui tempi di prenotazione: la visita’ dovra’ essere fissata per un arco temporale che va dai tre ai dieci giorni, salvo ovviamente casi eccezionali. Dovrebbero quindi essere tagliate le lunghe attese che i colleghi lamentano soprattutto per le prenotazioni per un controllo oculistico.

La fisioterapia. Arriva poi la struttura per le fisioterapie: il Nomentana Hospital e’ infatti una struttura sanitaria ‘’Post acuzie’’, con specializzazione proprio nella fisioterapia, oltre che nella gestione di lungodegenti. E il suo interesse era proprio quello di avere una struttura a Roma (loro sono a Mentana) dove poter far effettuare fisioterapia anche ai propri clienti, magari dopo che sono stati dimessi.

A differenza delle visite specialistiche (per le quali i colleghi continueranno a non pagare anticipatamente), per la fisioterapia il meccanismo di rimborso sara’ indiretto (il collega paga e poi chiede alla Casagit) ma le tariffe saranno pari a 40 euro a seduta, cosi’ come previsto dal tariffario.

Il Nomentana Hospital riservera’ questo ulteriore servizio ai nostri colleghi per almeno due giorni a settimana, mentre negli altri sara’ consentito anche l’utilizzo da parte di esterni, che usufruiranno di un ingresso separato. E’ poi prevista la possibilita’ nelle prime ora del mattino prelievi per analisi cliniche di laboratorio rimborsate secondo le nostre regole.

Le autorizzazioni ai ricoveri. Ultimo dettagli importante e’ un cambio di gestione per le richieste di ricoveri presso strutture convenzionate: l’autorizzazione, che prima veniva data dall’interno del Poliambulatorio, dovra’ ora essere data dagli uffici centrali di Casagit. I colleghi non avranno ritardi mentre ci sara’ un monitoraggio sull’ ‘’indotto’’ che la struttura potrebbe alimentare verso alcune cliniche.

Le garanzie. Infine l’Ombudsman. L’orientamento concordato nella riunione con i colleghi romani e’ quello di affiancare al contratto di affidamento anche un protocollo aggiuntivo che dia un ruolo di ‘’garante’’ ad un collega della consulta romana, attivando meccanismi di comunicazione che consentiranno ai colleghi di far sentire la propria voce in modo concreto e fattivo. Ci sara’ per questo anche una carta dei servizi che indichera’ le modalita’ che dovranno essere seguite per garantire il mantenimento del livello qualitativo del Poliambulatorio.

           

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × tre =