PUNTOEACAPO, IL FUTURO E’ POSSIBILE. LA CAMPAGNA ELETTORALE VISTA COME UN CORTEO CON I SUOI SLOGAN

A un certo punto ci deve essere stata una specie di visione. La campagna elettorale di Puntoeacapo vista come un grande corteo di rottamati, non garantiti, disoccupati, professionisti in bilico. E dentro questo corteo, su tanti cartelli come usava negli Anni Settanta o sulla bocca dei manifestanti, tanti slogan in rima. Thanks to Corrado Giustiniani. Godeteveli (nel senso di sorridete amaramente).

 

 

  • Giornalisti in povertà, vola via la libertà.
  • Gli stati di crisi di Siddi e Sacconi hanno svuotato le redazioni.
  • Siddi ammettilo, è inutile che fingi, la rottamazione ha dissanguato l’Inpgi.
  • Lavoro in affitto, flessibilità a gogò, dobbiamo ribaltare questa Waterloo.
  • Basta flirtare con gli editori.
  • Strage di posti grazie al contratto, ora per i giovani ci vuole un patto.
  • L’autonomia non c’è, la solidarietà nemmeno, il giornalismo italiano è finito sotto un treno.
  • La redazione è diventata un muro, per chi sta fuori non c’è futuro.
  • Due euro a pezzo è solo una mancia, ci vuole altro per riempire la pancia.
  • Editori impuri, poteri forti, i giornalisti li vogliono morti.
  • Se i giornalisti non sono più buoni, le vere notizie le danno i massoni.
  • Espulsioni, sinergie e distacchi, i giornalisti usati come pacchi.
  • Il pezzo è mio e lo gestisco io.
  • Fuori a far gli schiavi, dentro a impaginare, così la qualità se ne va in alto mare.
  • Lavoro in affitto, flessibilità a gogò, dobbiamo ribaltare questa Waterloo.
  • Devo fare il tecnico e il redattore in tv, così la notizia non la trovo più.
  • Per me è diverso, io lavoro in tv, in questo contratto non mi ritrovo più.
  • L’articolo 21 è stato affossato, ridiamo le unghie al sindacato.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


13 − 3 =