ELEZIONI, PUNTOEACAPO CONTINUA LA SUA BATTAGLIA PER UN FUTURO POSSIBILE

Risultati che fanno riflettere quelli delle elezioni per i congressi della Fnsi e di Stampa Romana. Hanno scelto Puntoeacapo 382 colleghi per la Federazione della Stampa e 408 per Asr. E ottimi sono stati i risultati delle liste dei pensionati dove, pur presentandoci per la prima volta, abbiamo raccolto i due terzi dei consensi conquistando un numero doppio di delegati rispetto alla maggioranza.

Un quadro in sé significativo perché testimonia che, tra i votanti, un giornalista su quattro ha continuato a scegliere la nostra lista o l’ha fatto per la prima volta. Ma anche il segnale di una flessione rispetto al 2007, una flessione che coincide con il periodo nero della professione giornalistica, che ha aperto le porte al disastroso rinnovo del contratto e allo tsunami degli stati di crisi.

Noi siamo una componente, ma anche un movimento di opinione. E il voto che ci gratifica è stato, anche questa volta, un voto di opinione. Chi sceglie Puntoeacapo sa che da noi si può aspettare rappresentanza e difesa dei diritti, ma non altro. Non ci appartengono le leve del potere e non possiamo garantire privilegi di alcun tipo. Mentre ci siamo sempre assunti le nostre responsabilità e non ci è mai capitato di firmare accordi per poi disconoscerne i risultati di fronte ai colleghi.

Abbiamo portato avanti con coerenza, rigore e trasparenza le nostre idee, sia stando all’opposizione nella Fnsi che partecipando, negli ultimi tre anni, al governo nell’Associazione Stampa romana. E la nostra presenza si è fatta sentire.

Questa linea paga di meno rispetto al passato? Certamente sul risultato hanno influito almeno due fattori: moltissimi colleghi (specie tra i prepensionati), delusi e danneggiati dal contratto, si sono allontanati dal sindacato. E tantissimi giovani scelgono di non iscriversi.

Ma un futuro è possibile!

I nostri delegati ai Congressi dell’Asr e della Fnsi si batteranno per la dignità del nostro lavoro, per i precari, i free lance e i disoccupati. Contro l’emarginazione dei giovani, contro la rottamazione dei giornalisti e del giornalismo.

Un grazie a tutte le colleghe e a tutti i colleghi che ci hanno votato.

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici − 6 =