CONGRESSO ASR, IL FUTURO POSSIBILE DEL GIORNALISMO. LA MOZIONE FINALE DI PUNTOEACAPO

Come giornalisti e come sindacato regionale abbiamo bisogno di un forte recupero di identità nei confronti della Fnsi e degli interlocutori esterni al sindacato.

Dobbiamo riuscire a far avvicinare i giovani colleghi al sindacato e recuperare i giornalisti usciti o espulsi dalle redazioni che, delusi e demotivati, non partecipano più alla vita sindacale.

Al nuovo gruppo dirigente, il congresso dell’associazione stampa romana da mandato di rivendicare all’interno della Fnsi il giusto peso politico che spetta ad un’associazione territoriale che rappresenta quasi un terzo dei giornalisti italiani. La natura federativa del nostro sindacato non può funzionare a senso unico.

L’associazione deve affiancare e sostenere i Cdr nella gestione delle gravi situazioni conseguenti all’entrata in vigore del nuovo contratto. Il via libera sostanzialmente incondizionato agli stati di crisi  (anche in aziende in attivo) ha decimato le redazioni e espulso centinaia di colleghi al culmine della loro esperienza professionale. Al loro posto non ci sono state nuove assunzioni, ma un dilagare di precariato ricattato e senza diritti (senza neppure  la tutela della maternità).

I colleghi rimasti nelle redazioni sono costretti a sobbarcarsi carichi di lavoro esorbitanti, in un’atmosfera intrisa di veleni e poco solidale, grazie anche al vasto arsenale di strumenti utili al mobbing che il nuovo contratto ha messo nelle mani degli editori.

Alla scadenza ormai prossima degli stati di crisi il sindacato dovrà impegnarsi a fondo perché i colleghi usciti dalle redazioni siano sostituiti da altrettanti rapporti di lavoro a tempo indeterminato. In futuro il sindacato e gli enti di categoria dovranno controllare nel modo più rigoroso l’effettiva esistenza delle condizioni per la concessione di eventuali nuovi stati di crisi, ancorandola a parametri oggettivi e riscontrabili, compresa la contropartita di un tot di assunzioni a tempo indeterminato. Ogni forma di finanziamento pubblico dovrà essere subordinata alla regolarità dei contratti di lavoro.

Il sindacato dovrà considerare prioritario il recepimento della direttiva europea che impone il pagamento di ogni prestazione o fornitura entro un massimo di 30 giorni pena il pagamento di una penale.

L’associazione stampa romana considera  obiettivo irrinunciabile delle prossime trattative per il rinnovo della parte economica del contratto nazionale una rivalutazione delle retribuzioni che compensi le perdite causate dal blocco degli scatti di anzianità.

Condividere questo programma d’azione può essere un punto di partenza per rinsaldare il patto sindacale  tra le varie  generazioni e categorie evitando le dispersioni, gli abbandoni, e la perdita di credibilità che aumentano ogni giorno.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × quattro =