CONGRESSO ASR, L’ETICA E IL GIORNALISMO. APPUNTI PER IL NUOVO COLLEGIO DEI PROBIVIRI

di Liliana Madeo

Presidente uscente del Collegio dei Probiviri

Il Collegio dei Probiviri  giunto oggi alla conclusione del suo mandato ha attraversato  gli anni in cui un vero tsunami investiva il mondo del giornalismo.

Il disagio, la conflittualità, l’insicurezza  vissute nelle redazioni e da quanti venivano mandati via dalle redazioni o non riuscivano a trovare un riconoscimento  decente del loro lavoro, noi li abbiamo vissuti. I colleghi si rivolgevano a noi per segnalare le ingiustizie e i disagi di cui erano vittime. Non volevano che  si consumasse nel silenzio e nel circolo ristretto di una redazione quanto stava avvenendo. Ma ci chiedevano di non intervenire, di non fare niente. Per   paura del ricatto. Nella speranza di una soluzione felice  grazie a una trattativa  condotta in prima persona. Non avevano fiducia negli organismi della categoria, questi colleghi.

Guidati da loro, abbiamo visto come si  trasformava   il lavoro del giornalista. Abbiamo visto i  rapporti inveleniti fra colleghi giovani e anziani, fra contrattualizzati e non contrattualizzati.  Le professionalità consolidate buttate all’aria. I comitati di redazione disarmati. Il dilagare convulso e incontrollato dei nuovi mezzi di comunicazione.  L’irruzione dell’informazione  istantanea che cancella  i doveri della verifica delle fonti, investe le redazioni, snatura i compiti  delle agenzie di stampa. I direttori che hanno smesso di essere cerniera fra editore e redazione per diventare funzionari dell’editore,  coloro che firmano le liste dei redattori  da licenziare. 

Abbiamo prestato ascolto a  questi segnali. E   abbiamo incominciato a rifletterci sopra.

 

A coloro che prenderanno il nostro posto presentiamo il lavoro che abbiamo avviato.

Una delle nostre prime iniziative  –  come  “organo deliberante autonomo e indipendente dell’ASR” –  è stata quella di dialogare con gli organismi territoriali di categoria. Lo prevede e lo auspica lo Statuto  dell’ASR.  Nel  disegno di “difendere e tutelare la trasparenza dell’informazione e la dignità della professione”,  abbiamo contattato i vertici della Romana  e dell’Ordine regionale dei giornalisti, e stabilito  con loro  un’intesa da cui sono nati  scambio di informazioni,  e interventi che altrimenti sarebbero rimasti isolati e univoci.  Delle nostre istanze abbiamo investito persino organismi al di fuori del territorio, quando l’offesa ai diritti dei giornalisti coinvolgeva persone non iscritte all’Ordine del Lazio.

 

A coloro che prenderanno il nostro posto presentiamo  alcune questioni irrisolte.

Mancano nello Statuto delle norme fondamentali.

Noi abbiamo affrontato il problema della ricusazione, richiesta da un collega, concessa dal Collegio Nazionale dei Probiviri che ha rimesso  il giudizio ad un altro Collegio. La ricusazione del Collegio non  è prevista da nessuna parte. Applicarla  –  riteniamo  –   ha rappresentato  un grave precedente nei rapporti fra ASR e Federazione Nazionale. Nel provvedimento leggiamo un’evidente   lesione delle prerogative e conseguentemente dell’autonomia dell’ASR.

Un altro caso che abbiamo affrontato e che nello Statuto non è contemplato riguarda il rapporto fra il vincolo del segreto cui sono sottoposti i lavori del Collegio e la richiesta di un collega sottoposto a giudizio di prendere atto di quanto dichiarato dai testimoni di accusa e di difesa.

 Sono  temi  che riguardano la relazione  fra organismi del sindacato, fra i giornalisti e il sindacato. Sono vuoti che vanno colmati.

 

A  coloro che prenderanno  il nostro posto rivolgiamo un augurio e un invito.

L’augurio è che possano lavorare come abbiamo fatto noi. Io ringrazio i colleghi che mi sono stati vicini, dai quali ho molto imparato, coi quali ho molto condiviso questa esperienza. Io non so in quali altri luoghi dove si arriva dopo un’elezione  si respiri l’aria che noi abbiamo respirato. Mai si sono alzati fra di noi  gli steccati delle correnti, delle componenti, delle appartenenze. Siamo stati – e  ne siamo tutti orgogliosi –  Probi, come appunto richiedeva il nostro ruolo.

 

L’invito è audace.

Lo Statuto afferma che  il Collegio è autonomo e sovrano rispetto al Sindacato e all’Ordine dei giornalisti. Sempre lo Statuto invita  gli organismi territoriali di categoria a dialogare fra loro,  come ho già detto e come noi   abbiamo fatto  fin dall’inizio del nostro mandato. Per l’indipendenza che ci viene riconosciuta  e per lo  stato  in cui  versa la nostra  professione e  che è sotto i nostri occhi  ci siamo sentiti autorizzati a compiere un lavoro non rituale, a riflettere –  lontano da ideologie e schieramenti settari – su quanto sta accadendo.

Ci siamo posti molte domande.

– Che cosa è stato  fatto  dall’Ordine e dal Sindacato per arginare lo scandalo dell’editoria selvaggia, la vergognosa tratta dei nuovi schiavi, i precari? Si continuano a gettare ogni anno sul mercato del lavoro  centinaia di nuovi giornalisti che vanno a ingrossare le file di colleghi ridotti a una condizione ingiusta e umiliante, privi di indipendenza e tutele come sono, remunerati in maniera inaudita, senza futuro.

– Che risposte si danno i vertici dell’Ordine e del nostro sindacato davanti alla disaffezione dei giovani che non sentono alcun bisogno di iscriversi al sindacato? E davanti al disinteresse per la vita degli organismi di categoria espresso  dai tanti colleghi  che non si fanno neppure vedere  quando si va a votare?

– Quali correttivi sono allo studio per impedire e correggere la degenerazione del ruolo del direttore? E’ possibile che il direttore,  non più nostro collega ma  longa manus dell’editore,  sia iscritto  all’Ordine dei giornalisti? E’ possibile che sia iscritto al sindacato dei giornalisti, all’Inpgi (l’istituto pensionistico della categoria) e alla Casagit (la nostra cassa sanitaria integrativa)?

– Anche sui diritti del lettore/ascoltatore ci siamo interrogati.

Quanto  il giornalista  – nel diritto alla verità e nel dovere della cronaca – rispetta il  patto fondante del suo rapporto con chi lo legge o lo ascolta?  Condividiamo quanto ha scritto  Barbara Spinelli: <Il giornalismo si trova oggi a un bivio. A ogni giornalista tocca esaminarsi allo specchio e interrogarsi sulla professione che ha scelto, sul perché intende continuare, su quel che vuole difendere e, in primis, su  chi sono gli interlocutori che cerca, cui sarà fedele>.

– Abbiamo dovuto riconoscere che il cattivo servizio  reso ai lettori e agli ascoltatori, e che la cattiva informazione non nascono soltanto a causa delle  pecche del sistema. Esistono responsabilità soggettive. Quelle dei  giornalisti che  spettacolarizzano la notizia, che  si fanno complici di chi specula sulla notizia pro domo sua,  che  confondono informazione con comunicazione, che  si schierano politicamente e non separano i fatti dalle opinioni. Ci sono tanti giornalismi. C’è tanta confusione sotto il nostro cielo. Quanti  giornalisti  sanno quali sono i  diritti e doveri di chi fa questo lavoro? Sanno che il potere del direttore non è assoluto? Sanno quali sono le funzioni e le responsabilità dei Cdr?

– Lo scenario in cui si muovono free lance, precari, disoccupati, neo pensionati, giornalisti organici è agitato   da venti tumultuosi. Il più pericoloso  ci è parso  quello che fa  smarrire  al giornalista la  tensione volta a difendere  il suo ruolo di portatore di dignità, di etica, di indipendenza – in aderenza al dettato costituzionale –  che è il ruolo del giornalista appunto.

Noi non avanziamo suggerimenti.  Ci limitiamo a riflettere e a invitare  a  riflettere  nella ricerca di una coraggiosa presa di coscienza dei problemi. Ci riconosciamo nelle parole di una grande scrittrice, Ingeborg Bachman, che ha scritto: <La realtà acquista un linguaggio nuovo ogniqualvolta si verifica uno scatto morale, conoscitivo, e non quando si tratta di rinnovare la lingua in sé, come se essa fosse in grado di far emergere conoscenze e annunciare esperienze che il soggetto non ha mai posseduto>.

 

                                              

                                                                                                                                              

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × 5 =