FESTIVO PAGATO IL 17 MARZO, NON IL 4 NOVEMBRE

Se lavori il 17 marzo – Festa dell’Unità d’Italia – percepirai un ventiseiesimo di retribuzione in più. Ma il 4 novembre non sarà pagato il festivo. Lo chiarisce la Federazione della Stampa.

“Il recente decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri il 18 febbraio 2011 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 44 del 23.2.2011”, afferma in una lettera il direttore della Fnsi Tartaglia, “ha chiarito i termini del trattamento da applicare nella giornata del 17 marzo 2011, proclamata giorno festivo a tutti gli effetti civili”. 

“Il decreto prevede esplicitamente che, al fine di evitare nuovi o maggiori oneri a carico delle imprese private, limitatamente all’anno in corso “gli effetti economici e gli istituti giuridici e contrattuali previsti per la festività soppressa del 4 novembre non si applicano a tale ricorrenza ma, in sostituzione, alla festa nazionale per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, proclamata per il 17 marzo 2011”. 

“Di conseguenza, tutti i giornalisti che saranno chiamati a prestare la loro opera il prossimo 17 marzo avranno diritto a percepire, in aggiunta alla retribuzione mensile, 1/26° della stessa. I giornalisti non chiamati a prestare la loro opera nella predetta giornata godranno del giorno di festa. In adempimento del decreto legge, limitatamente all’anno in corso, la
prestazione lavorativa che sarà effettuata il 4 novembre, non darà diritto ad alcuna prestazione aggiuntiva”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × 1 =